Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Arrestato combattente jihadista a Salerno

© Sputnik . Fabio CarboneAuto della polizia di stato
Auto della polizia di stato - Sputnik Italia, 1920, 11.07.2021
Seguici su
Un jihadista marocchino che aveva partecipato alle battaglie in Siria si nascondeva in provincia di Salerno. La Polizia di Stato lo ha arrestato e ora tornerà nelle patrie galere.
Lo cercavano a livello internazionale il marocchino di 29 anni arrestato dalla Polizia di Stato, ma lui si nascondeva in provincia di Salerno. Considerato un pericoloso combattente jihadista, è stato arrestato con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla preparazione e alla commissione di atti di terrorismo. L’uomo è stato denunciato anche per detenzione di armi da fuoco e di altri reati legati alla raccolta fondi per finalità terroristiche.
L’ordine di arresto proveniva dal Procuratore generale della Corte di appello di Rabat (Marocco), era stato emesso lo scorso 28 giugno e diramato a livello internazionale l’8 luglio.
L’uomo è stato catturato grazie all’importante contributo della intelligence del Marocco, quindi le autorità italiane lo hanno localizzato e infine catturato a Lago, in provincia di Salerno.
L’attività di investigazione sul territorio è stata condotta dalla Digos di Napoli e di Salerno, con il coordinamento della Direzione centrale per la polizia di prevenzione che si occupa di contrasto del terrorismo ed estremismo.
La tecnologia in possesso della Polizia scientifica ha permesso il pedinamento dell’uomo a distanza e quindi l’intervento degli uomini presso un bar dove il jihadista era in compagnia di altri extra comunitari.
Il jihadista, segnalato in passato anche da Francia e Spagna, nel 2012 aveva partecipato in Siria al conflitto armato inserito nelle fila del fronte di Al-Nusra* e successivamente dello stato islamico*. Aveva il ruolo di responsabile militare.
Trasferito in carcere, il jihadista marocchino di 29 anni è in attesa della conclusione della procedura di estradizione che lo riporterà in Marocco.
Ieri, invece, le autorità italiane hanno riconsegnato alla Francia un altro terrorista tunisino scappato da un centro psichiatrico.
*Organizzazioni terroristiche bandite in Russia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала