Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Allarme varianti, l'assessore D'Amato: "Consentire determinati accessi solo ai vaccinati"

© Foto : Iss di San Marino / Andrea CostaSan Marino, al via le vaccinazioni con lo Sputnik V
San Marino, al via le vaccinazioni con lo Sputnik V - Sputnik Italia, 1920, 11.07.2021
Seguici su
L'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato, propone di rendere il green pass obbligatorio anche per l'accesso ai concerti o alle serate nei locali per contrastare la circolazione della variante Delta: “Bisogna consentire determinati accessi solo a chi ha terminato la vaccinazione”.
Un caso Covid su due, nel Lazio, riguarda la variante Delta. I numeri consegnati al Messaggero dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, sono eloquenti e danno un’idea della velocità con cui si diffonde la nuova mutazione del virus, che a fine maggio veniva rintracciata soltanto nel 3 per cento dei casi.
Per questo, secondo l’esponente della giunta Zingaretti, bisogna accelerare con le vaccinazioni dei giovani dai 12 anni in su, ed estendere l’utilizzo del green pass anche ad altre attività. La certificazione verde, secondo D’Amato, non va utilizzata soltanto per i viaggi in Europa, ma anche per gli eventi sociali.
“Se, anche all'aperto, si stanno organizzando iniziative, come appunto i concerti, le serate nei locali, gli eventi sportivi, va utilizzato il Green pass”, spiega D’Amato, che chiede un intervento del governo in questo senso. “Bisogna consentire determinati accessi solo a chi ha terminato la vaccinazione”, incalza l’assessore.
“Sarebbe giusto – ha aggiunto subito dopo - applicare anche da noi il modello che arriva da altri paesi Ue, che danno il pass solo a chi ha fatto il richiamo”. Un altro aspetto fondamentale per scongiurare il rischio di nuove chiusure e limitare la circolazione delle varianti, secondo l’assessore, è quella di convincere i ragazzi a vaccinarsi prima di partire per le vacanze.
La proposta di D’Amato è quella di utilizzare il vaccino monodose di Johnson & Johnson. “Le dosi ci sono”, assicura l’assessore, che fa notare come la stragrande maggioranza degli attualmente positivi nel Lazio non sia vaccinato.
“I due terzi dei casi sono nella fascia under 30”, aggiunge. “Per questo – dice - è importante andare in vacanza dopo avere concluso il ciclo”. “Oggi – è l’appello di D’Amato - dobbiamo correre più veloci della variante e arrivare al 70 per cento della popolazione vaccinata dai 12 anni in su”.
Finché non si raggiungerà questo obiettivo, avverte l’assessore, “ci sarà un aumento dei contagi”. Anche se, conclude, i dati sui ricoveri restano bassi, e questo “è un dato che fa ben sperare”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала