Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Farmaco anti-artrite sperimentato dal Pascale di Napoli efficace contro Covid-19

© Pixabayfarmaco
farmaco - Sputnik Italia, 1920, 09.07.2021
Seguici su
Funziona davvero il Tocilizumab frutto di una collaborazione sino-italiana nei primi drammatici mesi della pandemia. Ora l'Oms lo raccomanda nelle terapie dei casi più gravi.
Quando i vaccini erano solo una lontana speranza ai medici non restava che trovare farmaci in grado di contrastare il virus, e così enti di ricerca e ospedali di tutto il mondo utilizzarono alcuni farmaci solitamente applicati contro l’artrite reumatoide e che già si erano distinti per una certa efficacia contro condizioni simili alla polmonite interstiziale generata dal Sars-CoV-2.
Tra questi il farmaco Tocilizumab, in Italia sperimentato per primo dal Pascale di Napoli a seguito della collaborazione con un istituto di ricerca cinese che per primo lo aveva sperimentato. Oggi questo farmaco ha dato risultati incoraggianti nelle fasi sperimentali, tanto che l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lo raccomanda alle equipe mediche di tutto il mondo insieme ad un altro farmaco contro le artriti reumatoidi, il Sarilumab.
Dopo i corticosteroidi, questi farmaci si sono rivelati tra i più efficaci per contrastare la malattia nei casi gravi.
Il Tocilizumab, in particolare, riesce a bloccare l’eccessiva reazione immunitaria che si sviluppa nei malati gravi. Secondo i dati rilevati in sede sperimentale si hanno 15 morti in meno ogni mille pazienti e 23 pazienti intubati in meno. A questa conclusione sono giunti ben 27 studi clinici.
Il professore Paolo Ascierto, direttore dell’Unità oncologica della Fondazione Pascale di Napoli, al Today ha spiegato come si è giunti a questo risultato importante per la lotta al Covid-19.
Il Tocilizumab è un anticorpo monoclonale che blocca il recettore dell’interleuchina-6, e viene usato per l’artrite reumatoide, spiega il professore.
Esso è stato inserito dall’Oms nei farmaci da usare per i malati i Covid-19 in gravi condizioni in associazione con i corticosteroidi, dopo che sono stati analizzati i dati su 10 mila pazienti coinvolti in 27 studi clinici.
Le morti si sono ridotte del 13% rispetto alle cure standard, mentre la probabilità di essere sottoposti a ventilazione meccanica si è ridotta del 28%.
Un dato che anche il Pascale con l’ospedale per le malattie infettive Cotugno, hanno riscontrato nella pratica clinica.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала