Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ddl Zan, Letta attacca Salvini e Meloni: "Stanno con Orban, come dargli credito?"

© AFP 2021 / Filippo MonteforteEnrico Letta, segretario del Partito Democratico
Enrico Letta, segretario del Partito Democratico - Sputnik Italia, 1920, 07.07.2021
Seguici su
Il testo sulla legge contro l'omotransfobia approderà così com'è a Palazzo Madama il 13 luglio, dopo il rigetto della proposta di modifica. Resta il riferimento all'identità di genere.
Resta tesa l'atmosfera in Parlamento, dopo il flop della mediazione sul testo del ddl Zan, che si è concluso con un nulla di fatto. Il segretario del PD, Enrico Letta, va all'attacco di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Secondo segretario dem la loro alleanza con Viktor Orban li priva di credibilità.
Il presidente ungherese è osservato speciale dell'Ue per la legge recentemente approvata, che Ursula Von Der Leyen ritiene fortemente discriminatoria verso le persone omosessuali.
"Nella legge di Orban l'omosessualità è posta al livello della pornografia e la protezione dei bambini è usata solo per discriminare dice Von Der Leyen. Noi stiamo con l'Europa. Salvini e Meloni con Orban. Come si può dar credito alle loro presunte proposte di mediazione su Ddl Zan???", ha twittato.
Ieri l'Aula del Senato ha confermato la calendarizzazione del ddl Zan, la legge sull'omofobia, che approderà a Palazzo Madama il 13 luglio alle 16,30. Respinti i calendari alternativi proposti da Forza Italia e Lega che volevano rinviare di una settimana, al 20 luglio la discussione in Senato.
Per il segretario del PD è il segnale che i numeri per approvare il ddl così com'è ci sono.

Cos’è il ddl Zan

Il ddl Zan, approvato alla Camera il 4 novembre 2020, è un aggiornamento della legge Mancino a cui si riallaccia.
La legge contrasta i reati di razzismo e prevede il carcere da uno ai quattro anni per chi istiga alla violenza omofobica, intervenendo sull'articolo 604 bis del codice penale.
Nel ddl c’è anche una parte non repressiva che ha principalmente l’obiettivo di diffondere una cultura della tolleranza, con l’istituzione il 17 maggio della "Giornata nazionale contro l'omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала