Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Norvegia: 450 persone si sono ammalate di Covid-19 dopo il vaccino

© REUTERS / DADO RUVICFiale con vaccini anti-COVID Pfizer ed AstraZeneca
Fiale con vaccini anti-COVID Pfizer ed AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 06.07.2021
Seguici su
In Norvegia, a un totale di 450 persone completamente vaccinate è stato diagnosticato il coronavirus, secondo quanto riportato dall'Istituto nazionale di sanità pubblica (FHI).
Tra i norvegesi completamente vaccinati, 26 sono stati ricoverati in ospedale con COVID-19, mentre altri 19 sono morti. Secondo il vicedirettore sanitario Espen Rostrup Nakstad, ciò dimostra che la stragrande maggioranza è ben protetta contro la forma grave della malattia.
In tutto, secondo il capo medico dell'FHI Sara Viksmoen Watle, sono 450 gli individui che dopo la completa vaccinazione si sarebbero ammalati, per un totale che costituisce solamente lo 0,03 percento dei soggetti vaccinati.
"L'incidenza delle infezioni gravi tra i vaccinati è molto bassa", ha detto Watle all'emittente nazionale NRK.
Tuttavia gli stessi specialisti Watle e Nakstad hanno sottolineato che i vaccini non forniscono una protezione al 100% contro l'infezione.
"Questa cifra conferma che l'effetto dei vaccini contro il COVID-19 non è del 100%. Sappiamo che circa un vaccinato su dieci sarà in grado di risultare positivo dopo l'esposizione al virus. Fortunatamente, pochi di loro contraggono una malattia grave poiché la maggior parte delle persone, in fin dei conti, ricevono in genere sufficiente beneficio dal vaccino", ha spiegato Nakstad all’emittente scandinava.
Tra i 450 casi di COVID-19 nonostante fossero completamente vaccinati, 26 sono stati ricoverati in ospedale. Di questi, 21 appartengono a categorie a rischio con pericolo da alto a moderato di un decorso grave, con la maggior parte di età pari o superiore a 75 anni.
"Ciò è dovuto al fatto che la risposta immunitaria dopo la vaccinazione è più debole tra i più anziani. Pertanto, è più probabile che le persone anziane possano essere infettate dopo la vaccinazione", ha affermato Nakstad.
Fiale con vaccini anti-COVID Pfizer ed AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 06.07.2021
Covid, il parere dell'esperto: "I non vaccinati vanno sistematicamente discriminati"
Dei 19 decessi correlati al COVID, 15 appartengono a gruppi a rischio medico e tutti i casi tranne due avevano più di 80 anni.
"I risultati concordano con ciò che abbiamo visto durante i test sui vaccini e i dati di monitoraggio di altri paesi. I vaccini COVID-19 forniscono un alto grado di protezione", ha sottolineato Watle.
"Le cifre confermano che tra i pochi vaccinati che si infettano, la stragrande maggioranza è ben protetta contro malattie gravi. Allo stesso tempo, queste cifre ci ricordano che alcune persone completamente vaccinate possono anche ammalarsi gravemente e morire quando il virus si diffonde nella società che non ha ancora ottenuto l'immunità di gregge", ha concluso Nakstad.
La Norvegia ha registrato un totale di 132.000 casi di COVID-19, con 794 decessi. Finora è riuscita a vaccinare il 29,1% della sua popolazione di 5,3 milioni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала