Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, il parere dell'esperto: "I non vaccinati vanno sistematicamente discriminati"

© REUTERS / DADO RUVICFiale con vaccini anti-COVID Pfizer ed AstraZeneca
Fiale con vaccini anti-COVID Pfizer ed AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 06.07.2021
Seguici su
La metà della popolazione svizzera non è vaccinata e molti rifiutano la dose, nonostante la minaccia di una nuova ondata in autunno dovuta alla variante Delta. Un economista ritiene necessarie che misure più severe possano convincere chi non si è ancora immunizzato a farlo.
I non vaccinati vanno sistematicamente discriminati. Lo ha dichiarato l'economista comportamentale Gerhard Fehr, in un'intervista pubblicata oggi dal Blick. La minaccia della diffusione di nuove varianti, in particolare la Delta, incombe sull'Europa. In Svizzera metà della popolazione non ha avuto il vaccino.
Secondo l'esperto, è necessario portare avanti un'operazione persuasiva, mostrando gli effetti avversi della non vaccinazione. Ma se nonostante questo le persone continueranno a rifiutare il vaccino, allora bisognerà impedire ai No Vax di frequentare locali pubblici, andare nei ristoranti o ai concerti, con un metodo di "discriminazione sistemica".
Fehr spiega che questo è l'ultimo passo per evitare l'obbligatorietà del vaccino.

La campagna di persuasione

Fehr è un Behavioral Designer, uno specialista che guida le scelte dei clienti verso la direzione desiderata dalle società a cui offre la sua consulenza. Gli viene dunque chiesto come convincere chi non vuole vaccinarsi a farlo.
La campagna di vaccinazione in Svizzera può ambire ad un 60% di immunizzati. Secondo Fehr è importante raggiungere questo livello e a tal fine le autorità sanitarie dovrebbero cambiare metodo, mostrando alle persone cosa può accadere se non si vaccinano. Questo, però, dovrebbe essere condotto senza metodi intimidatori.
"Nessuno salirebbe su un aereo se il rischio di un incidente fosse di mezzo punto percentuale. Ma tutti i non vaccinati sono attualmente pronti a contrarre un virus che ha una probabilità dello 0,5% di morire. Questo dovrebbe essere mostrato", afferma.
Questo metodo permetterebbe di convincere un buon 20% di scettici.

La discriminazione sistematica

A questo punto Feher stima che resterebbe un 35% di irriducibili. Questo gruppo deve essere sistematicamente discriminato.
"Puoi convincerli solo se discriminiamo sistematicamente. Ciò significa: solo chi è stato vaccinato può andare al ristorante o a un concerto", afferma, aggiungendo che la discriminazione sistemica non è affatto una novità. "Ad esempio, la maggior parte delle persone non può permettersi di andare ogni giorno in un ristorante e ne è quindi esclusa a causa del proprio stipendio", spiega.
Discriminare il 25% delle persone non vaccinate, vorrebbe dire togliere tutte le restrizioni per le persone vaccinate. Questa è la ragione chiave per cui, secondo Fehr, questo tipo di discriminazione, non solo verrebbe accettata, ma è inevitabile per ottenere l'80% di vaccinati necessario per l'immunità di gregge.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала