Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pestaggio nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: coinvolta la catena di comando

© Fotolia / Sakhorn38Un prigioniero
Un prigioniero - Sputnik Italia, 1920, 02.07.2021
Seguici su
La catena di comando sapeva o non sapeva di quanto accadeva nel carcere di Santa Maria Capua Vetere?
Si potrebbero individuare tre livelli di responsabilità nei pestaggi a danno dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta): chi ha pestato, chi ha guardato e non ha fatto nulla e chi ha comandato.
Questo almeno quanto emergerebbe dall’inchiesta giornalistica condotta dal quotidiano La Repubblica, che si basa anche sugli atti giudiziari resi pubblici dopo le indagini.
La catena di comando sapeva o forse avevano organizzato loro una perquisizione, poi finita male? Qualcosa pare sfuggita di mano a qualcuno ed è diventata una vendetta per la rivolta dei giorni precedenti, quando i detenuti hanno perso le staffe per via dell’ingresso del coronavirus anche nelle loro celle.
Agli atti dell’inchiesta, scrive il quotidiano nazionale, sono finite anche le comunicazioni tra Antonio Fullone, provveditore all’amministrazione penitenziaria della Campania, e interdetto dai pubblici uffici per falso e depistaggio, e il capo del Dap Francesco Basentini.
Quest’ultimo poi costretto a dimettersi per le accuse rivoltegli a seguito della scarcerazione di potenti mafiosi causa Covid-19 nelle carceri.
Cosa si sono detti i due? Secondo quanto riportato dal quotidiano, Fullone informa il capo del Dap di una perquisizione avvenuta con 150 uomini provenienti dai nuclei regionali. Quindi riporta solo questo a Basentini e non del pestaggio:
“...è in corso perquisizione straordinaria con 150 unità provenienti dai nuclei regionali (oltre al personale dell’Istituto)... Era il minimo per riprendersi l’Istituto…”.

Santa Maria Capua Vetere solo la punta dell’iceberg?

Secondo l’Huffington post le violenze sarebbero state perpetrate anche in altre carceri italiane a seguito delle rivolte del 2020. Il quotidiano cita San Gimignano, Melfi, Modena, Pavia, ma in tutti i casi sono mancate le prove.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала