Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

M5S, Crimi sfida Grillo: "Voto non sarà su Rousseau". Ecco tutti gli scenari

© AP Photo / Andrew MedichiniVito Crimi
Vito Crimi - Sputnik Italia, 1920, 02.07.2021
Seguici su
Ieri sera il reggente del Movimento, Vito Crimi, ha annunciato che le votazioni per l'elezione del comitato direttivo si terranno su Skyvote e non su Rousseau, come aveva chiesto Grillo. I big tentano un'ultima mediazione tra il garante e l'ex premier.
Il guanto di sfida a Grillo è stato lanciato ieri sera, con una mail. Vito Crimi, il reggente del Movimento 5 Stelle, ha dato il via alle operazioni propedeutiche per procedere all’elezione del comitato direttivo. Solo che il voto non si svolgerà su Rousseau, come aveva chiesto il comico genovese, ma su Skyvote, la piattaforma che era stata individuata da Giuseppe Conte per sostituire quella di Davide Casaleggio.
Crimi, secondo quanto si legge su Askanews, che cita fonti del Movimento, avrebbe già individuato “modalità e tempistiche per la presentazione delle candidature, per le verifiche dei requisiti e per lo svolgimento della votazione”.
La scelta del reggente, però, come sottolinea Il Tempo, potrebbe lasciare spazio a decine di ricorsi, visto che in molti, Grillo in primis, notano come in questa fase sia ancora la piattaforma gestita dall’associazione di Casaleggio Jr l’unica a poter ospitare le consultazioni e solo in una fase successiva all’elezione del nuovo organismo collegiale si potrà sostituire.
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte - Sputnik Italia, 1920, 01.07.2021
Scontro Conte-Grillo: ecco chi sta con chi. Gli espulsi: "Non torneremo nel Movimento"
Nel frattempo resta aperto un ultimo canale di dialogo fra il garante e il leader in pectore. A mediare fra Conte e Grillo ieri era stato Luigi Di Maio, che si è intrattenuto per più di un’ora nell’abitazione romana dell’ex premier.
Sempre nella giornata di ieri, come si legge sul Corriere della Sera, anche i parlamentari del M5S hanno dato mandato ai capigruppo di organizzare un nuovo faccia a faccia tra Conte e Grillo. Anche se lo strappo sembra difficile da ricucire. La mossa di Crimi, che va in senso opposto ai dettami dell’elevato, non lascia ben sperare sull’apertura al dialogo dei “contiani”.
L’idea della scissione, insomma, si fa sempre più realistica. Anche se l’operazione penalizzerebbe, in termini di consenso elettorale, sia il Movimento sia l’eventuale nuovo soggetto politico dell’ex premier.
Giuseppe Conte incontra la stampa  - Sputnik Italia, 1920, 02.07.2021
Conte da solo vale 10-15% di consensi elettorali, senza lui M5S al 7%
Secondo le indiscrezioni riportate dal Corriere, il ministro dell’Agricoltura, Stefano Patuanelli, sarebbe pronto ad aderire al progetto di Conte, mentre Di Maio e Dadone dovrebbero restare fedeli a Grillo.
È improbabile, o per meglio dire impercorribile, invece, l’ipotesi della “revoca del garante”. Non tutti, infatti, sarebbero intenzionati a mettere all’angolo il fondatore del Movimento, che, particolare non trascurabile, ne detiene anche il simbolo. Un fatto che creerebbe non pochi problemi sull’utilizzo del logo, anche in vista delle prossime elezioni amministrative.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала