Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

G20, l'appello di Di Maio: "Assicurare l'accesso umanitario nelle aree di crisi"

© AFP 2021 / Alberto PizzoliG20, a Matera la riunione dei ministri degli Affari esteri e dello Sviluppo
G20, a Matera la riunione dei ministri degli Affari esteri e dello Sviluppo  - Sputnik Italia, 1920, 01.07.2021
Seguici su
Nella giornata conclusiva della ministeriale Esteri e Sviluppo del G20 presieduta dall'Italia il ministro ha sottolineato l'importanza dell'approccio congiunto e multilaterale alle "crisi umanitarie e sanitarie".
Si è conclusa con la partenza dallo United Nations Global Service Centre di Brindisi di un volo umanitario diretto in Mozambico, organizzato dall’Onu e dall’Ue, la riunione dei ministri degli Esteri del G20 andata in scena nei giorni scorsi tra Puglia e Basilicata.
Proprio nella base gestita dal Programma alimentare mondiale (Pam), il minsitro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha incontrato i capi delegazione allo Sviluppo per una riunione con al centro il tema della “risposta congiunta e multilaterale alle crisi umanitarie e sanitarie”.
"In tutte le zone di crisi deve essere sempre assicurato un pieno e incondizionato accesso umanitario, necessario per portare a buon fine l'impegno sul piano logistico e far pervenire i necessari aiuti umanitari alle popolazioni in stato di bisogno", è stato l’appello del capo della diplomazia italiana, citato da Rainews24.
Luigi Di Maio ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Sputnik Italia, 1920, 28.06.2021
G20 a Matera, Di Maio: “Il Sud sarà al centro del mondo”
“La comunità internazionale ha compiuto sforzi enormi per dare risposte tempestive a un’emergenza che ha valicato ogni confine, generando tanta sofferenza”, ha poi scritto il ministro in un post su Facebook a proposito delle sfide globali poste dalla pandemia.
“L’Italia – ha aggiunto - da sola non ce l’avrebbe mai fatta. Se oggi stiamo ripartendo è anche grazie alla solidarietà che nei momenti più bui abbiamo ricevuto”. “Questo – ha sottolineato Di Maio - è un chiaro esempio di multilateralismo efficace, perché con i nazionalismi e gli egoismi non si va da nessuna parte”.
Dalla base Onu di Brindisi partono ogni anno aiuti umanitari diretti in 170 Paesi del mondo. Per questo, il direttore esecutivo del Pam, David Beasley, ha ringraziato il nostro Paese per il supporto “economico e di infrastrutture".
"Da Brindisi parte tutto il necessario per dare da mangiare a milioni di persone all'anno”, ha ricordato Beasley, sottolineando come nei mesi di lockdown il Pam sia stata “la più grande aerolinea del mondo, inviando personale, attrezzature e aiuti" in tutto il mondo.
L’emergenza, però, secondo il diplomatico, non è finita. La crisi economica prodotta dal Covid ha messo in ginocchio le economie più fragili, e quindi in futuro sarà necessario un “supporto” sempre “maggiore”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала