Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Esercitazioni congiunte Usa-Giappone per possibile conflitto con la Cina su Taiwan

© AP Photo / Bullit MarquezUn caccia americano in fase di atterraggio su una portaerei nel Mar cinese meridionale
Un caccia americano in fase di atterraggio su una portaerei nel Mar cinese meridionale - Sputnik Italia, 1920, 01.07.2021
Seguici su
Gli Stati Uniti e il Giappone avrebbero condotto esercitazioni militari congiunte per un possibile scenario di conflitto con la Cina su Taiwan, secondo quanto riferito ai media da fonti militari che hanno mantenuto l’anonimato facendo intendere che si tratterebbe di informazioni classificate.
Secondo ben sei fonti anonime citate in un rapporto pubblicato dal quotidiano economico-finanziario Financial Times, durante l'ultimo anno della presidenza di Donald Trump, i funzionari militari americani e giapponesi hanno iniziato una "seria pianificazione" per un possibile conflitto. Parallelamente alla pianificazione, Washington e Tokyo avrebbero condotto "giochi di guerra da tavolo top-secret ed esercitazioni congiunte nei mari della Cina meridionale e della Cina orientale".
Secondo le fonti, tutto ciò sarebbe avvenuto nel contesto di un’ipotesi di conflitto tra Cina e Taiwan, nel quale gli alleati interverrebbero a fianco di quest’ultima.
Diversi funzionari citati dal quotidiano britannico ma di proprietà della holding giapponese Nikkei, hanno affermato che le esercitazioni congiunte si sarebbero tenute nel Mar Cinese Meridionale nell'area intorno alle isole Senkaku, a soli 350 chilometri a ovest di Taiwan, e sarebbero state definite come "addestramento per i soccorsi in caso di catastrofe”.
Valutando la possibilità che in caso di conflitto Cina-Taiwan il Giappone possa essere coinvolto, il rapporto indica che Washington farebbe affidamento sulle basi aeree in Giappone.
Un funzionario ha osservato che gli Stati Uniti e il Giappone avevano bisogno di creare "urgentemente" un meccanismo di condivisione trilaterale con Taiwan per scambiare informazioni sui movimenti delle forze aeree e navali cinesi.
Secondo il materiale pubblicato, funzionari di Stati Uniti, Giappone e Taiwan avrebbero sottolineato che la cooperazione è "aumentata in modo significativo" dopo un accordo raggiunto nel 2017 per condividere i codici degli aerei militari che hanno reso più facile identificare i jet amici.
Secondo quanto riferito, il Giappone si è mosso per aumentare la cooperazione a causa della "crescente consapevolezza" dell'importanza di un Taiwan indipendente e sovrana per la propria sicurezza.
L'obiettivo finale dei due alleati sarebbe quindi elaborare un "piano di guerra integrato" per Taiwan.

Mar Cinese Meridionale e questione di Taiwan

Le preoccupazioni segnalate sulla possibilità di una guerra su Taiwan arrivano dopo che il Giappone ha accusato la Cina di far navigare le sue navi attraverso le acque delle isole Senkaku - un territorio controllato dal Giappone ma rivendicato da Pechino.
Pechino non riconosce il controllo del Giappone sulle isole, riferendosi al territorio con il nome cinese di ‘Isole Diaoyu’. Tokyo a sua volta si oppone alle navi di Pechino che navigano in prossimità del territorio conteso, definendole “incursioni inaccettabili”.
Il Giappone gode dell'appoggio degli Stati Uniti, e i due Paesi sono stati accusati da Pechino di “fare alleanza” contro la Cina continentale.
Inoltre, i territori marittimi nel Mar Cinese Meridionale sono rivendicati da diverse altre nazioni, tra cui Filippine, Brunei, Malesia, Vietnam e Taiwan, con quest'ultima che contemporaneamente cerca il riconoscimento dell’indipendenza dalla Cina continentale. Pechino al contrario continua a insistere sul fatto che Taiwan faccia parte della Cina continentale, proponendo la politica della “Cina unica”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала