Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Luglio, parte il Green Pass UE: come ottenerlo e quanto dura?

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaScannerizzazione di un pass magnetico
Scannerizzazione di un pass magnetico - Sputnik Italia, 1920, 01.07.2021
Seguici su
In teoria è semplice: i guariti, vaccinati, o in possesso di test PCR negativo, ottengono un QR code o un certificato cartaceo che consente di viaggiare liberamente in tutta la UE. In pratica è più complicato.
Da oggi parte l’Eu digital certificate Covid-19, il comunemente detto ‘Green Pass Europeo’. Lo schema è semplice – chi ha superato la malattia, chi si è vaccinato, chi si è sottoposto a test con risultato negativo, può ottenere questo certificato, in forma cartacea, elettronica o entrambi i formati e viaggiare liberamente per tutto il territorio dell’Unione Europea.
Non solo - rispetto all'idea iniziale di usarlo soltanto per i viaggi, ora Bruxelles incita gli Stati membri ad accordarsi per adoperare il documento anche per garantire in sicurezza l'ingresso a concerti, festival, teatri e ristoranti.

In teoria tutto chiaro, in pratica un po' meno

Ma c’è tutta una serie di incognite che proveremo qui a riassumere e cercare di rispondere, posto che molti dei quesiti le stesse autorità non sarebbero ancora in grado di risolvere:

Quanto dura il pass?

Il pass ha durata differente a seconda di come lo si è ottenuto:
chi si sarà sottoposto a test e sarà negativo avrà solo pochi giorni a disposizione;
chi superato la malattia 6 mesi;
chi sottoposto a vaccinazione fino a 9 mesi.
Posto che non sia del tutto chiaro per quale motivo gli anticorpi guadagnati dopo il superamento della malattia debbano durare meno di quelli ottenuti con il vaccino, la questione viene complicata anche dal fatto che non tutti i paesi sono concordi su alcuni dei parametri base.
Per prima cosa vi sono paesi non disposti a rilasciare il certificato o accettare passeggeri (il pass è europeo ma sono le singole autorità nazionali a rilasciarlo), dopo la sola prima dose. In realtà la maggior parte dei paesi europei riconosce la prova di vaccinazione solo quattordici giorni dopo la seconda dose per i vaccini a dose doppia, l’Austria addirittura dopo 22 giorni.
In secondo luogo la durata del pass per test covid dipende dal tipo di test – se molecolare dura 72 ore, se rapido 48 ore.
Ma anche qui ogni paese potrebbe introdurre le sue regole e le sue eccezioni. Nessuna garanzia di omologazione assoluta è data a livello comunitario.

Quali vaccini?

Essere vaccinati potrebbe non essere sufficiente. Di fatto l’UE riconosce solo AstraZeneca, Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson perché solo questi sono stati approvati dall’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA). L’eventuale accettazione di altri vaccini può dipendere solo dalla volontà delle singole autorità nazionali.

Eccezioni e insicurezza

In ultimo va osservato che ogni autorità nazionale può limitare la durata del pass in qualsiasi momento a seconda della situazione epidemiologica. La variante ‘Delta’ rimane in questo senso un’incognita e va considerato che le raccomandazioni stabilite a livello Ue non sono vincolanti.
Tutto ciò fa presumere che chi vorrà viaggiare, oltre al Green Pass, dovrà armarsi anche di pazienza e continuare a verificare di volta in volta il quadro aggiornato delle restrizioni sui vari siti specifici, quali viaggiaresicuri o seguire l’andamento dei contagi e delle misure nazionali aggiornate sui portali della UE.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала