Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sblocco dei licenziamenti, c’è accordo tra sindacati e governo Draghi

© AFP 2021 / Andreas SolaroManifestazione sindacati, Roma
Manifestazione sindacati, Roma - Sputnik Italia, 1920, 30.06.2021
Seguici su
I sindacati la spuntano ed ottengono maggiori tutele per i lavoratori e le lavoratrici. Più cig e tutele anche per le aziende in crisi, con l'approvazione di Confindustria.
Alla fine i sindacati ottengono qualcosa in più dal governo guidato da Mario Draghi, al termine di una riunione senza sosta durata ore. Presenti all’incontro i segretari delle maggiori sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil.
Il presidente del Consiglio ha accettato la richiesta dei sindacati di rafforzare i limiti allo sblocco dei licenziamenti che erano stati decisi lunedì nella riunione della cabina di regia svoltasi a Palazzo Chigi.
I sindacati ottengono una proroga del divieto di licenziare fino al 31 ottobre anche per il settore tessile e i settori collegati come abbigliamento e calzature, e per tutte le aziende che hanno tavoli di crisi aziendali aperti al Ministero dello Sviluppo economico o presso le Regioni e nelle Prefetture.
Verranno messe a disposizione delle aziende 13 settimane di cassa integrazione straordinaria gratuita in più.
Nella riunione è stato raggiunto anche una sorta di accordo tra governo, sindacati e associazioni imprenditoriali, secondo il quale le imprese si impegnano ad utilizzare prima tutti gli ammortizzatori sociali disponibili e solo in ultima istanza attiveranno i licenziamenti.

Il decreto legge alla firma oggi

Per oggi mercoledì 30 giugno è prevista la firma del decreto legge da parte del Consiglio dei ministri.
Il decreto conterrà anche un rinvio di una serie di scadenze fiscali in capo ad imprese e cittadini.

Una maratona a Palazzo Chigi

L’incontro di ieri tra governo e sindacati avrebbe dovuto solo essere una riunione in cui Mario Draghi informava circa la decisione di sbloccare i licenziamenti dal primo luglio, invece si è trasformata in una trattativa durata tutto il pomeriggio e la sera.
I sindacati hanno ottenuto maggiori tutele, in particolare nei confronti di quei settori maggiormente colpiti dalla pandemia.
Confindustria ha dato il suo assenso sull’avviso comune che considera i licenziamenti come ultima opzione da mettere in campo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала