Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ora anche Sala bacchetta gli azzurri: "Dalla nazionale gestione ridicola del Black Lives Matter"

© AFP 2021 / Laurence Griffiths / POOLLa nazionale italiana
La nazionale italiana - Sputnik Italia, 1920, 30.06.2021
Seguici su
La replica di Matteo Salvini: "“Lasciateli giocare in pace, Sala si occupi di problemi veri, non di inginocchiamenti”.
“Il modo in cui è stato gestito il tema dell’adesione della nazionale di calcio alla campagna di Black Lives Matter, al netto di come la si pensi sulla sua utilità, è stato francamente ridicolo”. A dirlo è il sindaco di Milano, Beppe Sala, che è intervenuto sulla querelle che vede protagonisti i giocatori azzurri, finiti nell’occhio del ciclone per non essersi inginocchiati contro il razzismo nel match contro l’Austria.
L’occasione per esprimersi sulla vicenda che da qualche giorno tiene banco nel dibattito politico nazionale è un post pubblicato su Facebook per i fatti di Piazza Sant'Eustorgio, teatro di una rissa, poi trasformatasi in sassaiola contro i carabinieri intervenuti a placarla, tra due gruppi di ragazzi nordafricani.

“L’accaduto di qualche giorno fa non è stato così lineare”, spiega Sala sui social. “Suggerisco a tutti noi, e a me in primis, tanto equilibrio. – aggiunge Il razzismo è una cosa seria, serissima. Finché sarò Sindaco lo combatterò con tutte le mie forze. Ma sempre rispettando la verità”.

La protesta della Lega

Le parole del sindaco di Milano sulla mancata presa di posizione della nazionale italiana sull’iniziativa a supporto del movimento Black Lives Matter, però, fanno discutere. A replicare al primo cittadino del capoluogo lombardo, via Twitter, è Matteo Salvini. “Ancora la sinistra contro gli Azzurri, ma basta”, scrive il leader della Lega. “Lasciateli giocare (e speriamo vincere) in pace, – va avanti – che Letta e Sala si occupino di problemi veri, non di inginocchiamenti”.
A protestare sono anche diversi altri esponenti leghisti. “Anziché criticare la Nazionale, Sala faccia autocritica e pensi ai fallimenti della sua amministrazione”, afferma in una nota Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale. “A essere ridicola – incalza – è l’ennesima polemica sterile della sinistra”.
Anche il deputato dello stesso partito, Igor Iezzi, ribatte che “gli unici ad essere davvero in ginocchio sono proprio i milanesi a causa dei suoi continui fallimenti”.
“Milano merita un sindaco migliore", va avanti il parlamentare leghista, ricordando come Sala sia stato “il primo sindaco della storia a guadagnarsi la durissima replica dell'Inter, per i suoi insulti del marzo scorso”. “Ora – conclude – se la prende pure con la nostra nazionale”.
Un tifoso della nazionale italiana a Roma durante gli Europei 2020 - Sputnik Italia, 1920, 21.06.2021
Euro 2020, solo 5 azzurri si inginocchiano per BLM: è polemica

Le polemiche sulla scelta degli azzurri

Nei giorni scorsi il leader del Pd Enrico Letta, aveva definito “una scelta pessima” quella dei giocatori italiani di non inginocchiarsi. Contro il Galles, infatti, a farlo erano stati soltanto cinque calciatori azzurri. Il segretario Dem aveva quindi chiesto agli atleti di mettersi tutti in ginocchio.
A placare le polemiche, non senza gaffe, era stato poi il capitano della nazionale, Giorgio Chiellini, che aveva annunciato che lui e i suoi compagni di squadra si sarebbero inginocchiati soltanto su richiesta della squadra avversaria, come succederà nel prossimo match contro il Belgio. La Federcalcio ha lasciato liberi i giocatori di decidere se aderire o meno all'iniziativa.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала