Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Falsi invalidi a Foggia, medico e funzionario Inps agli arresti domiciliari per truffa

© AP Photo / Luca BrunoAgenti della Guardia di Finanza a Milano
Agenti della Guardia di Finanza a Milano - Sputnik Italia, 1920, 30.06.2021
Seguici su
"Cricca" dei falsi invalidi scoperta a Foggia, coinvolti medici e impiegati Inps, oltre a persone esterne all'ente ma con ruoli ponte nell'azione corruttiva.
La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Foggia hanno arrestato e posto agli arresti domiciliari un medico legale con funzioni di componente della commissione di riconoscimento delle invalidità presso la locale sede dell’Inps, un funzionario amministrativo della locale sede Inps e un dipendente di un patronato Caf.
I tre sono ritenuti responsabili dei reati di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, falso ideologico e materiale, truffa ai danni dell’Inps.
Per le indagini sono stati usati presidi tecnologici di ultima generazione e i metodi tradizionali investigativi tra cui pedinamenti e osservazioni.
I tre, secondo l’accusa, ricevevano denaro da persone terze allo scopo di farsi riconoscere l’invalidità totale. Anche questi ultimi sono indagati nella stessa inchiesta ma non sono stati raggiunti dal provvedimento di custodia cautelare.
In un caso, una donna ha corrisposto mille euro al medico dell’Inps ed un cellulare di ultima generazione in cambio del certificato di invalidità permanente.
In un altro caso una donna esercente la professione di avvocato, aveva sborsato un anticipo di 1700 euro su una somma totale pattuita pari a 3 mila euro, in cambio del certificato di portatore di handicap permanente a beneficio del proprio genitore.
Il medico dell’Inps, in un altro caso aveva anche rilasciato falsi certificati di idoneità lavorativa a 7 dipendenti di uno stabilimento balneare del Comune di Manfredonia, favorendo così l’imprenditore proprietario.
E come se non bastasse il medico dell’INPS, al fine di trarre un ingiusto profitto, ha attestato falsamente la propria presenza in ufficio, percependo compensi per attività lavorative che, invece, non aveva svolto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала