Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Alto Adige. Asl sospende 115 sanitari no vax: si passa alle maniere forti

© REUTERS / Clodagh KilcoyneIl vaccino AstraZeneca
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 30.06.2021
Seguici su
Molto radicato in Alto Adige il movimento no vax, coinvolge un numero sostanzioso di operatori sanitari, per i quali ora parte l'accertamento che porterà alla sospensione dal servizio.
Le Asl passano alle maniere forti contro i sanitari no vax che si rifiutano di sottoporsi al vaccino contro il coronavirus.
Da domani 1 luglio, in Alto Adige più di 115 operatori sanitari non vaccinati non si potranno più presentare al loro posto di lavoro. Così scrive l’agenzia di stampa ANSA che ha appreso la notizia dall'Azienda sanitaria.
Concluso l'iter di verifiche l'atto di accertamento è già stato notificato agli operatori, questo significa anche che potrebbero presto restare a casa senza stipendio.
Sempre l’Ansa scrive che in Alto Adige il movimento no vax è molto radicato, anche tra il personale sanitario che invece dovrebbe dare l’esempio vaccinandosi.
Ora all’Asl tocca il compito di verificare se potrà demansionare gli operatori per i quali è partito l’atto di accertamento o se potrà addirittura tenerli in smart working.
In caso di esito negativo dell’accertamento la sospensione avrà effetto retroattivo, ovvero dal giorno della notifica dell'accertamento dell'inosservanza dell'obbligo vaccinale, con una decurtazione dallo stipendio che potrebbe diventare significativa.
Dall'Asl si sottolinea che "le collaboratrici ed i collaboratori non ancora vaccinati possono decidere di eseguire il vaccino in qualsiasi fase del procedimento, il che rende immediatamente revocate anche le sospensioni già notificate".

Positivi al Covid anche dopo il vaccino

Intanto in Alto Adige risulta che 1.559 persone sono risultate positive anche dopo il vaccino contro il coronavirus.
I casi riguardano sia persone che hanno ricevuto una dose, che quelli che ne hanno ricevute due.
A riferire il dato l’assessore provinciale alla sanità, Thomas Widmann, come riporta l’Adige.
Al 25 giugno in Alto Adige risulta che 250 mila persone hanno ricevuto almeno la prima dose di un vaccino contro Sars-CoV-2. In totale nella provincia autonoma del Trentino-Alto Adige sono state somministrate 482.390 dosi, pari al 93,5% di quelle ricevute.
Nonostante questi casi di positivi al coronavirus anche a seguito di vaccinazione, nella provincia non si riportano decessi da ormai 20 giorni consecutivi, segno che la protezione è efficace contro i sintomi più gravi della malattia.
3 le persone in terapia intensiva e 330 le persone in isolamento domiciliare fiduciario in Alto Adige.
Consegna Vaccini Pfizer all'Ospedale Santa Maria della Pietà a Roma - Sputnik Italia, 1920, 24.06.2021
"Medici no vax? Come ingegnere che non crede nella matematica" - Anelli
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала