Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Saman, si cerca il corpo in un bosco vicino Novellara

CC0 / Pixabay.com / Carabinieri
Carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 29.06.2021
Seguici su
Le ricerche della ragazza di origine pakistana sparita nel nulla dopo il rifiuto di un matrimonio combinato, proseguono da circa due mesi nei pressi dell'abitazione della famiglia. Adesso verranno estesi ad un boschetto nelle vicinanze.
Si estendono le ricerche della salma della giovane Saman Habbas, la 18enne di origine pakistana scomparsa a fine aprile a Novellara, in provincia di Reggio Emilia. Finora il raggio d'azione degli investigatori si era concentrato nell'area in cui la ragazza era stata vista l'ultima volta. In particolare l'attività di ricerca verrà ampliata ad un boschetto non distante dalla casa della famiglia.
Le ricerche vanno avanti senza sosta da due mesi e si sono intensificate negli ultimi giorni, con l'utilizzo di speciali unità cinofile, addestrate al fiuto di tracce ematiche, e di sofisticati strumenti come il georadar ed l'elettromagnetometro, che permette di scandagliare il terreno in profondità.
L'area circostante l'azienda agricola in cui lavorava e viveva la famiglia Abbas è stata scrutata da cima a fondo, senza portare finora ad alcun risultato. I carabinieri stanno perforando ed eseguendo carotaggi perfino nelle serre e nelle aree non ancora esplorate dove, sulla base delle prove raccolte, potrebbe essere stato occultato il cadavere di Saman.
Gli investigatori hanno ampliato il campo di ricerca alle spalle di una casa crollata, ad un chilometro dall'azienda agricola, dove si trova un piccolo bosco. L'area è attualmente setacciata dai militari. Nel corso della mattinata arriveranno gli esiti delle analisi svolte con l'elettromagnetometro.

La scomparsa di Saman

Gli inquirenti ipotizzano che la 18enne sia stata uccisa dallo zio Danish Hasnain che, secondo le rivelazioni rese dal fratello di Saman, sarebbe il vero capo famiglia, temuto persino dai genitori.
Alla base del delitto, il rifiuto di nozze combinate, ritenuto un disonore per la famiglia. Un video mostrerebbe gli ultimi attimi della vita di Saman, mentre esce di casa con i genitori la sera del 30 aprile, lungo un viottolo fuori casa. Nel filmato, il papà e la mamma rientrano soli in casa, poco dopo. Il giorno seguente rientreranno d'urgenza in Pakistan per "motivi di famiglia", facendo perdere le loro tracce.
Gli inquirenti ritengono che in quell'occasione la ragazza sia stata consegnata con l'inganno allo zio, che l'ha uccisa e nascosto il corpo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала