Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Matrimoni combinati, il report del Viminale: 24 in 22 mesi, il 9% delle spose ha meno di 14 anni

CC0 / / Matrimonio in Pakistan
Matrimonio in Pakistan - Sputnik Italia, 1920, 29.06.2021
Seguici su
Le vittime delle nozze forzate sono ragazze giovanissime, per lo più straniere e poco istruite, date in mogli a uomini per lo più fra i 35 e i 54 anni, in seguito ad un accordo con le famiglie.
In Italia in meno di due anni sono 24 i casi di matrimoni combinati. Un dato sottodimensionato relativo ad una piaga che si consuma fra le mura domestiche, pertanto difficile da portare alla luce. Lo riferisce il Viminale.
Le vittime sono quasi sempre donne giovanissime, in prevalenza straniere, costrette dalla famiglia alle nozze obbligate con un uomo più grande, per soldi, necessità o tradizione. Difficilmente le figlie riescono a rifiutare o opporsi al volere del padre.
Sul fenomeno ha svolto un'indagine la direzione centrale della Polizia Criminale del dipartimento della Pubblica Sicurezza, con il primo Report sulla costrizione o induzione a nozze in Italia. Il rapporto prende in esame gli ultimi due anni, dall'introduzione del Codice rosso nell'agosto del 2019 al 31 maggio 2021.

Le vittime

Le vittime sono nell'85% dei casi donne di giovanissima età. Più di una su tre è minorenne. Il 27% ha tra i 17 e i 14 anni, il 9% ha meno di 14 anni. La piaga colpisce principalmente donne straniere (59%), in maggioranza pakistane seguite da albanesi.
Sono costrette a sposare uomini molto più grandi di loro, della stessa età dei padri. Nel 40% dei casi i responsabili hanno un' età compresa tra 35 e 44 anni. Il 27% ha tra i 45 e i 54 anni e solo il 15% ha tra i 25 e i 34 anni. La provenienza è per lo più straniera, prevale la nazionalità pakistana, seguita da quelle albanese, bengalese, bosniaca.

Il reato

E' proprio con l'entrata in vigore della legge n. 69/2019, chiamata Codice Rosso, che il matrimonio combinato è diventato reato, con lo scopo di contrastare il fenomeno globale delle spose bambine e dei matrimoni precoci.
Il reato è punito con il carcere da 1 a 5 anni.

Il caso di Saman

Il fenomeno delle nozze obbligate è finito sotto i riflettori dopo il caso di Saman Habbas, la 18enne pakistana scomparsa a Novellara dopo aver rifiutato il matrimonio con un cugino in Pakistan, imposto dalla famiglia. In quell'occasione l'UCOOI (Unione comunità islamiche d'Italia) ha lanciato una Fatwa contro i matrimoni combinati e l’infibulazione. Lo si apprende dallo stesso sito dell'Unione.
"Sono comportamenti che non possono trovare alcuna giustificazione religiosa, quindi assolutamente da condannare, e ancor di più da prevenire", si legge nel comunicato.
La Fatwa è emessa di concerto con l’Associazione Islamica degli Imam e delle Guide Religiose,
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала