Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

M5S, dura risposta di Grillo a Conte: “Non ha visione politica, né capacità manageriali”

© AFP 2021 / Alberto PizzoliЛидер итальянской партии «5 звезд» Беппе Грилло
Лидер итальянской партии «5 звезд» Беппе Грилло - Sputnik Italia, 1920, 29.06.2021
Seguici su
Il garante del M5S accusa l’ex presidente del Consiglio di voler trasformare il movimento in un “partito unipersonale governato da uno statuto seicentesco” e rilancia, indicendo una consultazione sulla piattaforma Rousseau per eleggere il Comitato direttivo.
All’indomani dell’appello lanciato da Giuseppe Conte a decidere se “essere il genitore generoso o il genitore padrone” del M5S, Beppe Grillo risponde sul suo blog affermando che l’ex presidente del Consiglio non può risolvere “i problemi politici (idee, progetti, visione) e i problemi organizzativi (merito, competenza, valori e rimanere movimento decentralizzato, ma efficiente), perché non ha né visione politica, né capacità manageriali".

“Non ha esperienza di organizzazioni, né capacità di innovazione. Io questo l’ho capito, e spero che possiate capirlo anche voi. Non possiamo lasciare che un movimento nato per diffondere la democrazia diretta e partecipata si trasformi in un partito unipersonale governato da uno statuto seicentesco”.

Per il garante del Movimento, “le organizzazioni orizzontali come la nostra per risolvere i problemi non possono farlo delegando a una persona la soluzione”, anche perché “la deresponsabilizzazione delle persone con la delega a un singolo nelle organizzazioni orizzontali è il principale motivo del loro fallimento”.
Per questo, ha proseguito, “indìco la consultazione in rete degli iscritti al MoVimento 5 Stelle per l’elezione del Comitato Direttivo, che si terrà sulla Piattaforma Rousseau”.

"Ho chiesto a Davide Casaleggio di consentire lo svolgimento di detta votazione sulla Piattaforma Rousseau e lui ha accettato. Chiederò, poi, al neo eletto Comitato direttivo di elaborare un piano di azione da qui al 2023. Qualcosa di concreto, indicando obiettivi, risorse, tempi, modalità di partecipazione vera e, soprattutto, concordando una visione a lungo termine, al 2050. Questo aspettano cittadini, iscritti ed elettori. Una visione chiara di dove vogliamo andare e in che modo".

In un colloquio con il Corriere della Sera, al termine della conferenza stampa tenuta ieri, Conte aveva espresso la volontà di restare in campo, comunque fossero andate le cose.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала