Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Colombia, continuano le proteste: 8 città coinvolte nei disordini - Video

© REUTERS / Luisa GonzalezProteste in Colombia
Proteste in Colombia - Sputnik Italia, 1920, 29.06.2021
Seguici su
Da ormai settimane vanno avanti i tafferugli nei maggiori centriurbani della Colombia a causa delle modifiche al fisco.
Un'ondata di proteste ha scosso otto città in tutta la Colombia lunedì, mentre i manifestanti hanno attaccato i trasporti pubblici e di polizia, i dipartimenti di polizia, le imprese e i monumenti, ha detto il capo della polizia nazionale Jorge Luis Vargas Valencia.
"La polizia nazionale ha condotto 20 operazioni in varie città della Colombia durante la giornata", ha detto Vargas in un tweet sulle proteste di lunedì.
Secondo il funzionario, la situazione più difficile si è verificata nella città occidentale di Pasto, dove sono stati attaccati 11 autobus urbani e un'auto della polizia.
Nella città di Medellin, i manifestanti hanno lanciato bottiglie molotov contro una stazione di polizia e un negozio vicino e hanno cercato di dare fuoco a un edificio ospedaliero con 60 pazienti in dialisi. Cinque persone, tra cui un medico, un giornalista e un agente di sicurezza, sono rimaste ferite.
Inoltre, i manifestanti hanno danneggiato monumenti storici a Santander de Quilichao e Barranquilla, dove una statua di Cristoforo Colombo è stata abbattuta dal piedistallo.
Il presidente colombiano Ivan Duque - Sputnik Italia, 1920, 26.06.2021
Colombia, elicottero del presidente Duque bersagliato da colpi di arma da fuoco - Video

Le proteste in Colombia

Dal 28 aprile la Colombia è in preda alle proteste contro gli aumenti delle tasse, che sono proseguite anche dopo che le autorità hanno respinto l'iniziativa.
Le organizzazioni sindacali e studentesche chiedono riforme sociali e sanitarie, la smilitarizzazione delle città e lo scioglimento delle forze dello Squadrone Mobile Anti-Disturbo.​
Il dialogo tra il governo e i manifestanti non ha prodotto risultati a maggio e giugno, quindi i negoziati sono stati interrotti.
Le autorità si sono rifiutate di firmare un accordo che garantisse proteste pacifiche, spingendo i leader delle proteste a ritirarsi dai negoziati il ​​7 giugno. Il 15 giugno, il Comitato nazionale per le proteste ha annunciato un'interruzione temporanea delle manifestazioni periodiche, ma l'escalation spontanea delle proteste continua senza organizzatori visibili.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала