Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

AstraZeneca, De Luca: "Comunicazione demenziale, si dimetta Ministro o Commissario"

Vincenzo De Luca - Sputnik Italia, 1920, 28.06.2021
Seguici su
Parole durissime del presidente della Campania, Vincenzo De Luca, nei confronti del commissario straordinario Francesco Figliuolo e del ministro Roberto Speranza, per la "comunicazione demenziale" sul vaccino contro il Covid-19 di AstraZeneca. Il governatore campano chiede le loro dimissioni.
Nella campagna vaccinale "quello che non ha funzionato è una comunicazione nazionale demenziale. Mi è capitato di ascoltare il generale con il medagliere, che ha parlato ieri, il quale ci ha raccontato tranquillamente che su Astrazeneca hanno dato 10 comunicazioni diverse, come se lui fosse un turista svedese. Qualcuno glielo dovrebbe ricordare che il commissario al Covid è lui, e quindi in questi casi o si dimette il commissario, o il ministro della Salute, o preferibilmente si dimettono tutti e due e se ne vanno a casa, che sarebbe la cosa migliore", ha dichiarato De Luca lunedì mattina, all'inaugurazione della nuova terapia intensiva del Policlinico Vanvitelli.
Per il presidente della Campania è stata proprio quella "comunicazione demenziale" a determinare il rallentamento drammatico delle vaccinazioni e la crisi di fiducia in milioni di cittadini.
"Ci sarà anche una componente di scarso spirito civico, di qualche componente di furbizia, tutto quello che si vuole, ma il punto di svolta è stato determinato da quella comunicazione", ha ribadito.
Sulla possibilità di una nuova ondata ad ottobre De Luca si mostra pessimista, per i ritardi nelle vaccinazioni con "un milione e mezzo di cittadini che non si è voluto vaccinare", le vaccinazioni per le fasce studentesche non completate e, soprattutto, il taglio delle forniture per il prossimo mese, che "diversamente da quello che comunica il generale con le medaglie arriveranno centinaia di migliaia di dosi in meno", tuona De Luca.
"Siamo di fronte a una truffa comunicativa - prosegue - ormai viviamo in una bolla mediatica per la quale dobbiamo dire che va tutto bene. Quello che va bene va bene, quello che va male, come la campagna di distribuzione dei vaccini, va male, dobbiamo dirlo. Quindi noi dobbiamo avere la consapevolezza che rischiamo di avere un autunno preoccupante".
De Luca, inoltre, si dice estremamente preoccupato per alcuni focolai di variante Delta esplosi in Campania, ricordando però che è la regione in cui si fanno più sequenziamenti. Riflettendo sulla nuova ondata di contagi in Regno Unito, ripartita quando la battaglia contro il Covid sembrava già vinta, De Luca ha detto che si deve "puntare ad aprire tutto, ad aprirci all'economia e alla vita, ma dobbiamo sapere che possiamo aprirci se siamo responsabili".

Vaccinazioni

In Italia sono state somministrate 49.890.945 dosi di vaccino contro il Covid-19. Tra queste 32.103.591 sono prime dosi, pari al 54,18% della platea, mentre 17.787.354, il 30,02% della popolazione vaccinabile pari ha completato il ciclo di immunizzazione.
Complessivamente sono state ricevute 54.661.017, con un rapporto tra dosi somministrate su totale pari a 91,3%.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала