Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vaccini, Figliuolo: "Il 60% della platea ha avuto una dose, vaccinati uno su tre"

© AP Photo / Guglielmo MangiapaneFrancesco Paolo Figliuolo
Francesco Paolo Figliuolo - Sputnik Italia, 1920, 27.06.2021
Seguici su
Il commissario straordinario ospite a Domenica In ha fatto il punto sulla campagna di vaccinazione anti-covid. L'obiettivo: mantenere il trend di 500 mila dosi al giorno per raggiungere l'80% a settembre.
La campagna di vaccinazione ha raggiunto il 60% della platea dei vaccinabili, ovvero la popolazione con più di 12 anni, a cui è stata somministrata almeno una dose. Uno su tre ha completato il ciclo di immunizzazione e, al ritmo di 500 mila dosi al giorno, entro settembre potrebbe essere raggiunta l'immunità di gregge. Lo ha assicurato il commissario straordinario Francesco Paolo Figliulo, ospite a Domenica In.
Ad oggi "sono state effettuate 49,5 milioni di somministrazioni" di vaccino, circa il "60% della platea ha ricevuto una dose e uno su tre ha completato il ciclo. Si tratta di un bel risultato, ma bisogna andare avanti", ha dichiarato. Il prossimo ''obiettivo" è quello di "mantenere il trend di 500mila dosi al giorno''.
La previsione è di arrivare "all'80% dei 54 milioni della platea di vaccinabili" per ottenere l'immunità di gregge. "E sono assolutamente convinto - ha affermato - che raggiungeremo questo obiettivo a fine settembre".

Le forniture dei vaccini

Il commissario ha esortato ad aderire alla vaccinazione, perché " come dimostra anche l'esperienza di altri Paesi a un certo punto si fa fatica a trovare i vaccinandi". Non ci sono problemi di forniture dei vaccini a Rna di Pfizer e Moderna, anche se "a luglio solo poco meno di giugno".
Il vaccino AstraZeneca adesso è utilizzato solo per la seconda dose agli over 60 e Johnson&Johnson per le persone difficili da individuare o per categorie particolarmente mobili.

Errori di comunicazioni

Proprio riguardo AstraZeneca, Figliuolo ha ammesso gli errori compiuti durante la campagna di vaccinazione, confermando che "si poteva comunicare meglio".
"I nostri concittadini hanno dimostrato di essere migliori di questa confusione che si è creata - ha affermato - Ci sono state più di 10 indicazioni diverse nel tempo, ma questo è figlio di un virus nuovo e sconosciuto e dei progressi della farmacovigilanza. In un'altra condizione si utilizzava tutto quello che avevamo per far calare la curva dei contagi, ora invece possiamo usare altri vaccini per l'eterologa con la seconda dose".

La struttura commissariale

''Credo che un po' ancora la struttura commissariale andrà avanti" aggiunge. "Lo stato d'emergenza teoricamente finisce a fine luglio però penso che il governo sia molto cauto. Finché c'è bisogno la struttura c'è e io sono a disposizione dell'Italia''.
Lo stato di emergenza è in scadenza il 31 luglio. Il governo dovrà riunirsi nelle prossime settimane per valutare un'ulteriore estensione. La misura era scattata il 31 gennaio del 2020.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала