Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA, Facebook potrà essere ritenuto responsabile per i reati di traffico di minori

© REUTERS / Dado RuvicA man is silhouetted against a video screen with a Facebook logo
A man is silhouetted against a video screen with a Facebook logo - Sputnik Italia, 1920, 27.06.2021
Seguici su
Secondo quanto riferito, le vittime minorenni sono state sfruttate attraverso il sistema di messaggistica della piattaforma social media.
La Corte Suprema del Texas ha stabilito venerdì che se i trafficanti di sesso usano Facebook per abusare dei bambini, la società può essere ritenuta responsabile, osservando che la piattaforma non è una "terra di nessuno senza legge".
"Per le ragioni spiegate di seguito, neghiamo in parte l'esenzione e la concediamo in parte. Le rivendicazioni legali per traffico di esseri umani dei querelanti possono procedere, ma le loro rivendicazioni di diritto comune per negligenza, colpa grave, negligenza e responsabilità da prodotto devono essere ritirate", si legge nella sentenza.
Tuttavia, la corte ha dichiarato che "non comprende la sezione 230 per 'creare una terra di nessuno senza legge su Internet' in cui gli stati non sono in grado di imporre responsabilità ai siti Web che partecipano consapevolmente o intenzionalmente al traffico di esseri umani online"

La decisione è stata presa sull'onda lunga di tre cause intentate a Houston che coinvolgono vittime della tratta di minori che hanno incontrato i loro aguzzini su Facebook. I querelanti hanno citato in giudizio la piattaforma per negligenza e responsabilità del prodotto, affermando che il gigante dei social media con sede in California non è riuscito a prevenire il traffico sessuale sulle sue piattaforme Internet.
Inoltre, le cause hanno affermato che Facebook ha effettivamente tratto profitto dallo sfruttamento sessuale delle vittime della tratta di esseri umani.
Il team legale di Facebook ha affermato che è protetto dalla Sezione 230 del Communications Decency Act.
In quest'ultimo si afferma che le piattaforme Internet non sono responsabili per i contenuti di terze parti caricati sui loro siti.
Logo di Instagram sullo schermo di uno smartphone - Sputnik Italia, 1920, 11.06.2021
Facebook, Twitter, Instagram lasciano disponibili oltre 4.200 materiali vietati in Russia
Il Congresso degli Stati Uniti ha recentemente rivisto la Sezione 230 per includere la possibilità di responsabilità civile per i siti web che violano gli statuti statali e federali sul traffico di esseri umani.
All'inizio di questo mese, un'indagine condotta dal Tech Transparency Project senza scopo di lucro ha rivelato che diversi profili e gruppi di Facebook commercializzano pubblicamente i valichi di frontiera illegali tra gli Stati Uniti e il Messico, inclusi prezzi, percorsi possibili e opzioni di sconto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала