Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iran nega le immagini delle sue strutture nucleari all'AIEA

© Foto : AtomStroyExportCentrale nucleare di Bushehr, Iran
Centrale nucleare di Bushehr, Iran - Sputnik Italia, 1920, 27.06.2021
Seguici su
L'agenzia in precedenza aveva affermato che l'Iran aveva superato di oltre 16 volte il limite delle sue scorte di uranio arricchito, poiché la Repubblica islamica ha gradualmente sospeso i suoi obblighi nell'ambito del Piano d'azione globale congiunto dal 2019.
Il presidente del parlamento iraniano ha dichiarato oggi che Teheran non consegnerà le immagini dall'interno dei suoi siti nucleari all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), osservando che l'accordo di monitoraggio con l'ente internazionale non è più valido.
"L'accordo è scaduto... nessuna delle informazioni registrate non sarà mai fornita all'Agenzia internazionale per l'energia atomica ei dati e le immagini rimarranno in possesso dell'Iran", ha affermato il portavoce Mohammad Baqer Qalibaf.
Un'estensione di tre mesi sulle pratiche di monitoraggio era stata inizialmente stipulata tra Teheran e l'Agenzia internazionale per l'energia atomica a febbraio, quando i parlamentari iraniani avevano votato per la sospensione delle ispezioni dell'AIEA sugli impianti nucleari.
A maggio, le parti sono riuscite a prolungare l'accordo per un mese durante i colloqui a Vienna, ma l'accordo è finalmente giunto alla sua conclusione all'inizio di questa settimana.
Il capo della magistratura iraniana Ebrahim Raisi arriva per tenere un discorso dopo aver registrato la sua candidatura alle elezioni presidenziali iraniane, al ministero dell'Interno nella capitale Teheran, il 15 maggio 2021, in vista delle elezioni presidenziali previste per giugno.  - Sputnik Italia, 1920, 21.06.2021
Raisi: Teheran non vuole condurre colloqui sul nucleare se non servono gli interessi dell'Iran

Il nucleare iraniano

La questione del programma nucleare iraniano è riemersa nel 2018, dopo che Washington si è ritirata dall'accordo del 2015 e ha reintrodotto sanzioni unilaterali su Teheran in linea con la sua "politica di massima pressione". In risposta, la Repubblica islamica ha iniziato a recedere dai suoi impegni nell'ambito del JCPOA.

L'Iran ha ripetutamente sottolineato che il suo programma nucleare è pacifico e che il paese non nutre alcuna intenzione di produrre armi nucleari.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала