Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, prorogato il blocco dei licenziamenti nei settori del tessile

© Foto : Marco MerliniFiom
Fiom - Sputnik Italia, 1920, 26.06.2021
Seguici su
La proroga, dal primo luglio al 31 ottobre, sarà accompagnata da altre 18 settimane di Cassa integrazione Covid a carico dello Stato.
Il blocco dei licenziamenti, in scadenza il 30 giugno, sarà prorogato dal primo luglio al 31 ottobre, ma solo per alcuni settori in crisi: tessile, abbigliamento, pelli, cuoio e calzature. E, secondo quanto riportato oggi da Repubblica, la proroga sarà accompagnata da altre 18 settimane di Cig Covid, a totale carico dello Stato.
Soddisfatto il ministro dello Sviluppo economico, il leghista Giancarlo Giorgetti:

“L’abbiamo sponsorizzata noi, in chiave selettiva. A partire proprio dal settore moda, le cui difficoltà ci sono note, visto che abbiamo aperto un tavolo di crisi al ministero”.

Meno i sindacati, che da settimane chiedono che il blocco dei licenziamenti venga prorogato al 31 ottobre per tutti i settori. L’Ufficio parlamentare di bilancio ha stimato in oltre 70.000 gli esuberi dal primo luglio.

Proroga anche per le cartelle fiscali

La proroga selettiva potrebbe essere ratificata dal Consiglio dei ministri il prossimo 30 giugno, quando scadrà anche la sospensione delle cartelle fiscali, ferme dal marzo 2020.
Secondo Repubblica, anche questo blocco verrà prorogato, fino al 31 agosto, per essere poi revocato con notifiche graduali, spalmate sul 2021 e tutto il 2022, e accompagnato da generose forme di rateazione dei debiti fiscali.
In totale il nuovo decreto legge “ponte” contenente le due proroghe dovrebbe valere 2-3 miliardi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала