Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Traffico sessuale", farmaci forzati e birth control: Britney Spears contro la tutela

© FotoLa cantante statunitense Britney Spears
La cantante statunitense Britney Spears - Sputnik Italia, 1920, 24.06.2021
Seguici su
Mercoledì, l'icona pop Britney Spears è apparsa in un tribunale di Los Angeles per parlare pubblicamente della sua tutela per la prima volta. L'accordo ha lasciato l'ex teen star - le sue finanze, proprietà e persona - sotto il controllo di suo padre dal 2008.
Britney Spears ha chiesto pubblicamente al giudice di Los Angeles Brenda Penny di porre fine alla sua tutela "abusante".
In una testimonianza di 24 minuti data a distanza per telefono mercoledì, la cantante di "Baby One More Time" ha detto a un tribunale aperto che era disposta a "citare in giudizio la sua famiglia" per l'accordo lungo 13 anni che l'aveva lasciata "traumatizzata".

Equivalente al "traffico sessuale"

In una testimonianza bomba, Spears ha paragonato la sua tutela al "traffico sessuale", affermando che la sua famiglia ha abusato dell'accordo, costringendola a lavorare contro la sua volontà e rendendola incapace di prendere le proprie decisioni, negandole addirittura la privacy.
Secondo Britney, questo è diventato particolarmente grave quando apparentemente ha "fallito" un "test psicologico" che ha costretto suo padre a mandarla in un programma di riabilitazione a Beverly Hills contro la sua volontà: "Ho pianto al telefono per un'ora e lui ne ha adorato ogni minuto", ha ricordato Spears, secondo un copione del suo discorso condiviso da Variety. “Il controllo che aveva su qualcuno potente come me – amava il controllo per ferire sua figlia al 100.000%. Gli è piaciuto molto".
© AFP 2021 / Hector MataBritney Spears nel febbraio del 2000
Britney Spears nel febbraio del 2000 - Sputnik Italia, 1920, 24.06.2021
Britney Spears nel febbraio del 2000
La cantante 39enne ha detto che nella struttura "lavorava sette giorni su sette, senza riposo, e in California, l'unica cosa paragonabile a questo si chiama traffico sessuale", dal momento che tutti i suoi beni (carta di credito, contanti, telefono, passaporto) sono stati portati via.

“Mi hanno visto cambiare ogni giorno, nuda - mattina, mezzogiorno e sera. Il mio corpo – non avevo una porta per la privacy per la mia stanza", ha aggiunto Spears.

Assumere farmaci senza il suo consenso

Spears ha detto che ha dovuto assumere litio – qualcosa a cui si era opposta – dopo che le prove per la sua seconda residenza a Las Vegas si sono interrotte nel 2019.
“Tre giorni dopo, dopo che ho detto di no a Las Vegas, il mio terapista mi ha fatto sedere in una stanza e ha detto che aveva un milione di telefonate su come non stavo collaborando alle prove e che non prendevo le mie medicine. Tutto questo era falso", ha detto la Spears al giudice. “Lui immediatamente, il giorno dopo, mi ha dato il litio dal nulla. Mi ha tolto le normali medicine che prendo da cinque anni", ha aggiunto.
Secondo Spears, il litio era un farmaco "molto, molto forte" che poteva lasciare una persona "con problemi mentali se ne prendeva troppo".
“Ma mi ha prescritto proprio quello e mi sono sentita come ubriaca. Non potevo davvero nemmeno occuparmi di me stessa. Non riuscivo nemmeno ad avere una conversazione con mia madre o mio padre su qualsiasi cosa". La situazione l'ha spaventata, ricorda Britney, ma non aveva scelta a causa dell'accordo di tutela.
Britney Spears  - Sputnik Italia, 1920, 11.11.2020
Britney Spears resta sotto la tutela legale del padre: "Finché sarà così non mi esibirò più"

"Dovrebbero finire in prigione"

Parlando alla corte, Spears ha accusato suo padre, che si occupa dei suoi guadagni dai tour, di essere "ignorante". Ha detto che Jamie e "chiunque sia coinvolto in questa tutela", compresi i suoi manager che l'hanno spinta oltre la sua volontà, dovrebbero tutti "essere in prigione".
"E vorrei onestamente fare causa alla mia famiglia, se devo essere del tutto onesta", ha aggiunto la star.

"Ho mentito a tutti"

Spears ha affermato di non essere stata aperta sui suoi veri sentimenti nei confronti della tutela sui social media e durante una precedente apparizione in tribunale che è stata tenuta privata, poiché apparentemente in uno stato di "negazione".
"Ho mentito e ho detto al mondo intero, 'Sto bene, sono felice'", ha detto la donna. “Ero rimasta scioccata, traumatizzata". La madre di due figli ha detto che non riusciva a dormire: "Sono così arrabbiata che è folle. E sono depressa. Piango ogni giorno".
Secondo Spears, vuole semplicemente "sentirsi ascoltata" ora.
"Non sto mentendo. Voglio solo indietro la mia vita. E sono passati 13 anni. Ed è abbastanza. È passato molto tempo da quando ho posseduto i miei soldi", ha aggiunto l'icona della musica.

Matrimonio e futuri figli

La cantante, che sta uscendo con il modello iraniano Sam Asghari, ha anche detto che voleva essere in grado di "sposarsi e avere un bambino" ora.
Tuttavia, sotto la tutela, non è stata in grado di rimanere incinta ed è stata costretta ad adottare misure precauzionali per il controllo delle nascite.
"Quindi, in pratica, questa tutela mi sta facendo molto più male che bene", ha concluso. Britney Spears è stata posta sotto tutela nel 2008 a seguito di una serie di crolli mentali, tra cui la sua guerra pubblica con l'ex marito Kevin Federline per la custodia dei loro due figli, l'incidente con la rasatura della testa e un attacco con l'ombrello ai paparazzi.
Jamie Spears, il padre della pop star, sosteneva che la tutela fosse vantaggiosa per sua figlia.
Dopo l'apparizione in tribunale di Britney, il padre della cantante ha detto che amava sua figlia "molto" ed era "dispiaciuto di vederla soffrire così tanto".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала