Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Terremoto giudiziario ad Agrigento, arresti tra i cosiddetti ‘colletti bianchi’

Carabinieri
Carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 23.06.2021
Seguici su
Ad Agrigento la società che gestiva le acque pubbliche veniva utilizzata dalle mafie e dai colletti bianchi per operare varie forme e tipologie di reato.
L’inchiesta legata alla Girgenti Acque spa di Agrigento porta ai primi indagati, sono 8 tra imprenditori, professionisti e politici locali, tutti indiziati del reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la Pubblica amministrazione, frode in pubbliche forniture, ma anche, furto, ricettazione, reati tributari e reati in materia ambientale.
Girgenti Acque è la società di gestione del servizio idrico della provincia di Agrigento, e secondo l’accusa sarebbe stata usata dalla mafia e dai suoi sodali come copertura per compiere un’ampia serie di reati.
La società, infatti, già nel novembre del 2018 era stata raggiunta da una certificazione interdittiva antimafia.
Secondo le indagini al vertice del sodalizio criminale vi era l’imprenditore Marco Campione, presidente del consiglio di amministrazione della società, e amministratore di fatto del ‘Gruppo Campione’.
Tra gli indagati anche appartenenti alle forze dell’ordine e funzionari pubblici con responsabilità di vertice.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала