Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vaticano chiede modifica del ddl Zan: "Viola il Concordato"

© Sputnik . Владимир Астапкович / Vai alla galleria fotograficaCarabinieri alla Piazza San Pietro
Carabinieri alla Piazza San Pietro - Sputnik Italia, 1920, 22.06.2021
Seguici su
Il primo intervento dello Stato Pontificio per fermare l'approvazione di una legge, temuta la limitazione delle libertà della Chiesa.
Richiesta formale del Vaticano al governo italiano di modificare il ddl Zan perché "viola il Concordato". La nota è stata inoltrata il 17 giugno all'ambasciata italiana nel Vaticano da monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, il primo intervento della Chiesa nell'iter di approvazione di una legge, in conformità con i Patti Lateranensi.
Come indicato nel documento, riportato da Tgcom24, la Chiesa teme che alcuni contenuti della proposta legislativa "riducano la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dall'articolo 2, commi 1 e 3 dell'accordo di revisione del Concordato".
Nei Patti si afferma che allo Stato pontificio viene garantita la piena libertà di svolgimento della missione pastorale, di evangelizzazione e santificazione, il pubblico esercizio di culto, magistero e ministero spirituale, nonché della giurisdizione in materia ecclesiastica. Si garantisce ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni "la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione".
Tuttavia, secondo la Chiesa, il ddl Zan limiterebbe la libertà di aggregazione e pensiero della comunità cattolica, pertanto richiede che siano fatte delle revisioni e modifiche, in quanto la legge com'è scritta al momento "potrebbe comportare anche rischi di natura giudiziaria".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала