Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mascherine all'aperto, Speranza chiede il parere del Cts per la revoca dell'obbligo

© Sputnik . Evgeny UtkinCoronavirus, le persone indossano le mascherine protettive in Italia
Coronavirus, le persone indossano le mascherine protettive in Italia - Sputnik Italia, 1920, 19.06.2021
Seguici su
La richiesta del ministero della Salute segue l'annuncio fatto ieri in conferenza stampa dal premier Mario Draghi, sull'ipotesi di anticipare la revoca dell'obbligo di mascherine all'aperto.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha inviato sabato mattina la richiesta di un parere informale al Comitato tecnico-scientifico "relativamente alle modalità e ai termini della permanenza dell'obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie all'aperto". Lo si apprende dal Ministero della Salute.
Nella conferenza stampa di venerdì, il presidente del Consiglio Mario Draghi aveva annunciato l'intenzione di chiedere il parere del Cts sulla possibile revoca dell'obbligo di mascherina all'aperto, dopo lo stop da Francia e Spagna, che lo toglierà a fine giugno.
"Domani chiederò se possiamo toglierci la mascherina all'aperto oppure no", aveva annunciato ieri in conferenza stampa, precisando che allo stato attuale non sono state stabilite delle date.
Il premier aveva poi ricordato che altri Paesi in Europa hanno già tolto l'obbligo di mascherina, precisando che allo stato attuale "non ci sono date".

La data del 15 luglio

Nella discussione sulla revoca dell'obbligo di mascherina all'aperto era stata inizialmente presa in considerazione la data del 15 luglio. Dopo il pressing di alcune forze di maggioranza, Lega in testa, lo stop potrebbe essere anticipato di due settimane, sulla scia di Francia e Spagna.
Fino a ieri la posizione di Draghi era quella della prudenza, anche per la diffusione rapida della variante delta che ha costretto la Gran Bretagna a prorogare di un mese le misure di allentamento. La svolta potrebbe essere arrivata per ottenere il via libera al rinnovo dello stato d'emergenza, in scadenza il 31 luglio. Mario Draghi vorrebbe muoversi con cautela e convincere le forze di governo più restie ad accettare la proroga fino a dicembre.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала