Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Domenica le primarie del Pd a Roma e Bologna dopo il flop di Torino

© AP Photo / Andrew MedichiniEnrico Letta, segretario del Partito Democratico
Enrico Letta, segretario del Partito Democratico - Sputnik Italia, 1920, 19.06.2021
Seguici su
I Dem sono sicuri che sarà un successo. Si scelgono i candidati a sindaco. Seggi aperti dalle 8 alle 21 in entrambe le città.
Dal Partito democratico assicurano che quello che è accaduto a Torino, con la bassissima affluenza ai gazebo, non si ripeterà e già si fissano i primi obiettivi di partecipazione per le primarie del Pd a Roma e Bologna.
L’obiettivo è scegliere i candidati per la corsa alla poltrona di sindaco delle due città.
I seggi apriranno alle 8 e sarà possibile votare fino alle 21.
Il Pd si attende almeno 50mila votanti a Roma, mentre a Bologna i Dem sono convinti che non si scenderà sotto le 20mila schede.

La corsa per Roma

A Roma, il candidato Roberto Gualtieri sulla carta non dovrebbe avere problemi, soprattutto dopo che il leader di Azione, Carlo Calenda, ha deciso di correre da solo con l’appoggio di Italia Viva.
Oltre all’ex ministro per le primarie romane sono il consigliere regionale di Demos Paolo Ciani, Tobia Zevi, candidato civico, il presidente del III municipio ed ex assessore Giovanni Caudo.

Lotta a due a Bologna

Nel capoluogo emiliano la corsa è a due.
I contendenti sono Matteo Lepore, assessore dell’amministrazione uscente, e la sindaca di San Lazzaro, Isabella Conti.
Lepore ha ottenuto il sostegno anche di Romano Prodi e del segretario Enrico Letta e sembra il candidato natura.
Conti è sostenuta direttamente da Italia Viva e Matteo Renzi e dalla parte del Pd che si riconosce nella corrente ex renziana di Base riformista.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала