Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Draghi: "Covid devastante, ma ora si torna a crescere. Ripartiamo grazie ai vaccini"

© Filippo AttiliMario Draghi
Mario Draghi - Sputnik Italia, 1920, 18.06.2021
Seguici su
Il presidente del Consiglio è intervenuto durante la sua visita a Barcellona per il Foro di dialogo italo-spagnolo e per ricevere il "Premio per la costruzione europea" al Cercle d’Economia.
"La pandemia da Covid ha colpito le nostre vite e le nostre società in maniera devastante. Hanno perso la vita almeno 3,8 milioni di persone – un quinto delle quali in Europa. [...] L’incertezza creata dalla pandemia, assieme alle misure adottate per il suo contenimento, hanno inciso pesantemente sull’economia" ha esordito Draghi durante il suo intervento a Barcellona per ricevere il premio del Cercle d'Economia.
Tra gli effetti della pandemia c'è stato anche un forte calo del Pil che in Unione europea è sceso di 6,1%, la maggiore contrazione mai registrata. Tuttavia la campagna vaccinale sembra dare stime di ripresa e crescita.
"La riduzione più forte è stata registrata in Italia e in Spagna, dove il Pil è calato rispettivamente dell’8,9% e del 10,8%. Lo sviluppo di alcuni vaccini efficaci ha tracciato un percorso ben definito per uscire da questa crisi. Sono state avviate ambiziose campagne vaccinali in tutta l’UE, le quali stanno riuscendo a salvare vite e a ridurre la pressione sugli ospedali" ha precisato il premier.
Mario Draghi ha poi aggiunto che ad oggi quasi un europeo su due ha ricevuto almeno una dose di vaccino, e uno su quattro è completamente vaccinato.
"Gli sforzi vaccinali ci hanno inoltre permesso di riaprire le nostre economie. C’è un ritorno alla crescita" ha ribadito.

Previsioni al rialzo per il Pil in Unione Europea

Secondo le previsioni della Commissione europea, quest’anno il prodotto interno lordo dell’Ue crescerà del 4,2%. In Italia e in Spagna, si prevede un aumento rispettivamente del 4,2% e del 5,9%.
"Queste previsioni potrebbero essere riviste al rialzo, con il ritorno della fiducia fra le imprese e le famiglie" ha sottolineato Draghi.

Importante continuare ad investire nella ricerca e distribuire le dosi in modo equo

Nonostante il progresso della campagna vaccinale nell'Ue e il fatto che la situazione pandemica sembri sempre più sotto controllo, il premier ha sottolineato che siamo ancora lontani dalla fine poiché gli sforzi vaccinali si sono concentrati solo nel mondo ricco.
"Solo lo 0,3% del totale di dosi è stato somministrato nei paesi a basso reddito, mentre i paesi più ricchi hanno distribuito l’85% del totale. [...] Dobbiamo continuare ad investire nella ricerca, oltre ad accelerare l’impegno a garantire un accesso diffuso ai vaccini" ha affermato Draghi.
Il premier ha poi concluso dichiarando la necessità di riportare, come obiettivo minimo, l’attività economica almeno in linea con la traiettoria precedente alla pandemia sottolineando che solo allora "potremo dire di aver superato gli effetti della crisi sanitaria sulle nostre società e sull’occupazione".
Il processo in corso presso il Tribunale di Trani nei confronti delle agenzie di rating, la Standard and Poors’ e la Fitch. - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Fitch conferma il rating dell’Italia e il Pil al +4,8% nel 2021
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала