Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Hong Kong, 5 arresti per 'collusione straniera' al tabloid pro-democrazia

© AFP 2021 / Isaac LawrenceTabloid pro-democrazia di Hong Kong Apple Daily
Tabloid pro-democrazia di Hong Kong Apple Daily - Sputnik Italia, 1920, 17.06.2021
Seguici su
La legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong è stata approvata nel giugno 2020, promulgata dal Comitato permanente cinese del Congresso nazionale del Popolo a Pechino. Vieta "separatismo, sovversione, terrorismo e interferenze straniere" a Hong Kong.
La polizia di Hong Kong ha fatto irruzione nell'ufficio di Apple Daily e ha arrestato cinque dirigenti, tra cui il caporedattore Ryan Law e il CEO di NextDigital Cheung Kim-hung, ha riferito giovedì lo stesso outlet.
Secondo il rapporto, gli agenti hanno avuto accesso ai computer del personale e hanno chiesto a tutti di registrarsi con la propria carta d'identità, il documento d'identità del personale e le informazioni personali prima di entrare, pur non consentendo ai giornalisti di tornare alle loro scrivanie. L'outlet ha anche detto che ai giornalisti è stato proibito filmare o trasmettere in diretta streaming il raid.
La polizia ha fatto irruzione nell'ufficio alle 7:30 locali (1:30 ora italiana), con Reuters che ha riferito, citando la polizia, che 500 agenti hanno partecipato all'operazione. Oltre a Law e Kim-hung, tra gli arrestati c'erano il COO Royston Chow, l'editore associato Chan Pui-man e il direttore della piattaforma di Apple Daily Digital, Cheung Chi-wai. I dirigenti sono accusati di "collusione straniera" in violazione dell'articolo 29 della nuova legge cinese sulla sicurezza nazionale per Hong Kong.
Durante una conferenza stampa dopo il raid, un sovrintendente senior, Steve Li, ha detto ai giornalisti che 18 milioni di dollari di Hong Kong (€1,9 milioni) in beni di proprietà di Apple Daily erano stati congelati ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Ha anche sottolineato che il raid a Apple Daily non è destinato a essere un obiettivo per l'industria dei media in senso lato, ma solo per una società.
Apple Daily ha citato una dichiarazione del governo sul raid, secondo cui l'operazione è stata condotta "con un mandato di perquisizione ai sensi dell'articolo 43, paragrafo 1, della legge sulla sicurezza nazionale, che "copriva il potere di ricercare e sequestri di materiali giornalistici".
La legge sulla sicurezza nazionale è stata approvata nel 2020 dal Comitato permanente cinese del Congresso nazionale del Popolo a Pechino ed è destinata a criminalizzare "separatismo, sovversione, terrorismo e interferenze straniere" a Hong Kong. Molti criticano la legge e la vedono come una violazione delle libertà civili dei residenti di Hong Kong.
Jimmy Lai - Sputnik Italia, 1920, 10.08.2020
Hong Kong, arrestato il magnate Jimmy Lai con la nuova legge sulla sicurezza
È la seconda volta che la polizia ha preso di mira Apple Daily, visto che l'anno scorso il fondatore dell'outlet, Jimmy Lai, è stato arrestato e incarcerato con l'accusa di assemblaggio non autorizzato.
Popolare giornale tabloid della regione, Apple Daily ha prodotto molti articoli critici sulla politica di Pechino nei confronti di Hong Kong. Il media ha dovuto rispondere delle accuse di un commissario di polizia di scatenare odio e dividere la società. Dopo il raid di giovedì, la polizia di Hong Kong ha detto, citata su Twitter da un giornalista di DW, che l'outlet aveva prodotto "decine di articoli online e stampati che sollecitavano sanzioni contro la Cina e Hong Kong dal 2019 fino a poco tempo fa".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала