Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Grecia, promosso il Recovery plan da Bruxelles: è il terzo

© AP Photo / Petros GiannakourisBandiera della Grecia e Partenone
Bandiera della Grecia e Partenone - Sputnik Italia, 1920, 17.06.2021
Seguici su
Il Recovery plan della Grecia è stato promosso dalla Commissione Europea, potranno presto accedere ai fondi del "piano Marshall" dell'UE. Promosse anche Spagna e Portogallo.
Giugno è tempo di pagelle, e non solo per gli studenti, ma anche per gli Stati membri dell’Unione Europea. E la promozione per lo Stato greco arriva dalla Commissione Europea in riferimento al programma nazionale di recupero e resilienza dell’economia noto come Next Generation EU (NGEU).
Ieri Ursula von der Leyen in persona si era recata in Portogallo per consegnare la “pagella” al Portogallo, il quale è stato il primo paese a ottenere il via libera. Sempre ieri, anche la Spagna ha ottenuto il green pass per attingere dai fondi del piano NGEU.
Il parere positivo della Commissione non è l’ultimo passaggio, ora il Consiglio europeo dovrà convalidare e non sarà un passaggio puramente formale.
Ma la Grecia è a un solo passo dallo sblocco di 17,8 miliardi di euro di contributi a fondo perduto e 12,7 miliardi di euro di prestiti, che potrà richiedere nel settennato 2021-2026.
Ursula von der Leyen nel commentare l’esito favorevole ha affermato che il piano “potrà cambiare la Grecia per i prossimi decenni”.

La Spagna chiederà soltanto il fondo perduto

Per ora la Spagna ha chiesto di attingere soltanto ai 69,5 miliardi di euro di sovvenzioni a fondo perduto nell’ambito del ‘Recovery and Resilience Facility (RFF)’ per il periodo 2021–2026.
Il governo spagnolo non ha chiesto, invece, di attingere ai prestiti di cui pure ha diritto. La Spagna è il secondo paese dopo l’Italia a beneficiare della cifra maggiore dal piano.

I primi 20 miliardi sono disponibili

Pochi giorni fa la Commissione Europea ha dato l’esito del primo collocamento degli euro bond dedicati al piano NGEU.
Sono stati collocati 20 miliardi di titoli di debito comune europeo con scadenza a 10 anni e tasso di interesse dello 0,1%. La domanda è stata di 800 miliardi di euro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала