Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

eVax: l’altro vaccino italiano previene il contagio nei topi, già passati ai test sull’uomo

© REUTERS / Ciro De LucaVaccinazione, gli operatori sanitari preparano dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 presso un centro di vaccinazione a Napoli
Vaccinazione, gli operatori sanitari preparano dosi di vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 presso un centro di vaccinazione a Napoli - Sputnik Italia, 1920, 16.06.2021
Seguici su
Compiuto un passo avanti dal vaccino eVax a trazione italiana, ma di respiro internazionale. Gli studi sul topo sono andati bene, mentre si attendono i risultati delle sperimentazioni cliniche.
Si chiama eVax ed è l’altro vaccino italiano su cui lavorano da giugno 2020 più società a livello internazionale con capofila le italiane Rottapharm Biotech, Takis e l’Igea di Carpi.
Gli studi sul topo hACE2 hanno dato risultati soddisfacenti, dimostrando che il vaccino è efficace contro il coronavirus ed anche contro le varianti.
Da marzo sono iniziate anche le fasi di sperimentazione sull’uomo: fase 1 e fase 2, tutt’ora in corso. Il vaccino dovrebbe essere pronto per il 2022, secondo quanto riportato dall'Ansa.
La particolarità di questo vaccino è la sua tecnologia farmaceutica basata sul Dna unita alla tecnica dell’elettroporazione, la quale permette il passaggio del Dna nelle cellule usando brevi stimoli elettrici.
Gli studi di fase 1 e 2 in Italia sono in corso presso l’ospedale San Gerardo di Monza con il supporto dell’Università di Milano Bicocca, presso l’Istituto nazionale tumori Pascale di Napoli, e presso l’Istituto Spallanzani ed anche presso il Centro di ricerche cliniche di Verona.

Un vaccino internazionale

Il vaccino eVax è un’ampia collaborazione con altri poli di ricerca internazionali che uniscono lo Spallanzani, il San Raffaele di Milano all’Università di Ulm con sedi in Germania e Israele.
Coinvolto anche il National infection service del servizio di sanità pubblica inglese.

Grazie al finanziamento europeo

Il progetto di sperimentazione sui topi è stato portato avanti grazie ad un finanziamento europeo, a differenza del vaccino Reithera che aveva chiesto l’accesso ad un finanziamento statale che si è visto bocciare dalla Corte dei Conti.

Un vaccino facile da creare ed economico

Gli autori del vaccino eVax dicono che questo è facile da riprodurre in larga scala e che non necessita della catena del freddo per essere spostato e conservato.
Una società spin-off della Takis e dedicata alla veterinaria, si sta occupando di sviluppare un vaccino contro Sars-CoV-2 in grado di proteggere anche gli animali, dal momento che diverse specie possono essere infettate e generare varianti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала