Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Dopo casi di falsi vaccini contro la rabbia gli USA vietano l’importazione di cani da 113 paesi

© REUTERS / Eduardo MunozL'Australian Shepherd Decker
L'Australian Shepherd Decker - Sputnik Italia, 1920, 16.06.2021
Seguici su
La pandemia di coronavirus ha provocato un’ondata di adozioni di animali da compagnia negli Stati Uniti aumentando la domanda di importazione di cuccioli. La scoperta che fornitori senza scrupoli vendevano cuccioli di cane con certificati di vaccinazione antirabbica contraffatti ha provocato una decisa reazione delle autorità sanitarie americane.
La rabbia è una malattia virale molto grave che può trasmettersi anche all’essere umano. Causa un'infiammazione acuta del cervello i cui sintomi iniziali sono febbre e prurito nel sito di esposizione ma che via via interessano sempre più il sistema nervoso centrale causando movimenti violenti e a scatto, emozioni incontrollate, paura dell'acqua, incapacità di muovere parti del corpo, confusione e perdita di coscienza.
Una volta che i sintomi compaiono, quasi sempre la malattia si conclude con il decesso del paziente. Generalmente si trasmette attraverso il graffio o il morso di un animale infetto e si stima che, pur essendo pressoché estirpata nell’America del Nord e in Europa Occidentale, nel mondo circa 59mila persone muoiano per questa malattia ogni anno, ha detto la dott.ssa Emily Pieracci dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che ai media ha spiegato il perché le autorità siano arrivate a vietare l’importazione da oltre cento paesi del mondo di cuccioli di cane.
"Stiamo facendo questo per assicurarci di proteggere la salute e la sicurezza dei cani importati negli Stati Uniti, oltre a proteggere la salute pubblica", ha detto a NPR (National Public Radio) la dott.ssa di origini italiane.
La pandemia ha comportato un aumento delle importazioni di cani, ma l’alta domanda ha attratto anche approfittatori e durante il 2020 il CDC ha scoperto più di 450 cuccioli in arrivo negli Stati Uniti con falsi certificati antirabica, motivo per cui il provvedimento di vietare le importazioni da paesi considerati non sufficientemente affidabili è stato necessario, ha spiegato.

Eccezioni

Naturalmente esistono casi limite che vanno considerati, ha ammesso la stessa Pieracci:
"Riconosciamo che ci saranno alcune persone che dovranno rientrare negli Stati Uniti e non potranno abbandonare il loro cane. Per tali motivi il CDC ha istituito un processo attraverso il quale sarà possibile richiedere un permesso speciale".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала