Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, studio NIH rileva che il virus circolava in cinque stati USA già a dicembre 2019

CC BY 2.0 / Mike Mozart / American FlagLa bandiera americana
La bandiera americana  - Sputnik Italia, 1920, 16.06.2021
Seguici su
Gli esami degli anticorpi di campioni di sangue in Italia hanno trovato prove di infezioni da Covid-19 già a settembre 2019, sei mesi prima dei primi casi noti in Italia. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti continua a spingere la teoria che il virus sia fuggito da un biolaboratorio cinese alla fine del 2019.
Un nuovo studio ha scoperto che il Covid-19 circolava negli Stati Uniti diverse settimane prima dell'identificazione dei primi casi documentati, parallelamente ai primi casi rilevati in Cina, dove si ritiene comunemente che l'epidemia sia iniziata. La scoperta mina ulteriormente la teoria secondo cui il virus abbia avuto origine in Cina, poiché i casi in altre nazioni sono stati rilevati anche prima.
Lo studio è stato condotto da ricercatori del programma "All of Us" del National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases.
Coronavirus negli USA - Sputnik Italia, 1920, 05.04.2021
Negli USA sta iniziando una quarta ondata di Covid - epidemiologo
Secondo l'abstract dello studio, i ricercatori hanno esaminato più di 24.000 campioni di sangue provenienti da tutti i 50 stati degli Stati Uniti somministrati tra il 2 gennaio e il 18 marzo 2020, alla ricerca di anticorpi contro la SARS-CoV-2, il virus che causa Covid-19. Il corpo umano produce gli anticorpi nel processo di lotta contro l'infezione, il che significa che se qualcuno li ha nel sangue, ha già contratto la malattia in qualche momento nel recente passato.
Lo studio ha scoperto che in cinque stati - Illinois, Massachusetts, Mississippi, Pennsylvania e Wisconsin - sette persone che hanno dato campioni di sangue avevano anticorpi SARS-CoV-2. Tre erano dell'Illinois e portati il 7 gennaio, 17 giorni prima che il primo caso fosse identificato il 24 gennaio. Gli altri stati avevano un caso ciascuno, la maggior parte dei quali erano prima dei primi casi noti in tali stati, secondo il NIH.
Il primo caso di Covid-19 identificato negli Stati Uniti è stato un residente dello stato di Washington che è risultato positivo il 19 gennaio 2020. Da allora, gli Stati Uniti hanno sofferto 33,6 milioni di casi noti e più di 600.000 americani sono morti.
"Questo studio ci consente di scoprire ulteriori informazioni sull'inizio dell'epidemia statunitense e mette in evidenza il valore reale della ricerca longitudinale nella comprensione delle dinamiche delle malattie emergenti come Covid-19", ha dichiarato Josh Denny, amministratore delegato di "All of Us" e autore dello studio, in un comunicato stampa NIH.
"I nostri partecipanti provengono da diverse comunità negli Stati Uniti e danno generosamente di sé per guidare una vasta gamma di scoperte biomediche, che sono vitali per informare le strategie di salute pubblica e la preparazione. "
Tuttavia, i ricercatori hanno avvertito che i loro dati erano tutt'altro che completi e hanno subito molte limitazioni, tra cui la piccola dimensione del campione da molti stati degli Stati Uniti, così come una mancanza di conoscenza su come sono stati infettati.
Laboratorio P4 dell’Istituto di Virologia di Wuhan - Sputnik Italia, 1920, 15.06.2021
Wuhan, video shock della TV australiana: pipistrelli vivi in gabbia nei laboratori
Il virus è stato identificato per la prima volta nella città cinese di Wuhan negli ultimi giorni del 2019 come diversi casi di una sconcertante e grave malattia respiratoria accumulata negli ospedali di Wuhan. Il 12 gennaio 2020, il virus era stato isolato e il suo genoma sequenziato, confermando che non era SARS-CoV-1, il virus che causa una grave sindrome respiratoria acuta (SARS), ma un parente stretto che è stato soprannominato SARS-CoV-2.
Il tracciamento cinese ha identificato un caso di Covid-19 nella provincia di Hubei già a metà novembre 2019, ma gli esami del campione di sangue in Italia hanno suggerito che il virus vi circolasse già a settembre del 2019; L'Italia non ha identificato i suoi primi casi di Covid-19 fino al 21 febbraio 2020, anche se il paese è diventato rapidamente l'epicentro europeo dell'epidemia.
Nella sua ricerca delle origini del Covid, all'inizio di questo mese l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiesto agli scienziati italiani che hanno trovato gli anticorpi SARS-CoV-2 di inviare i campioni a Rotterdam per essere ricontrollati. Gli scienziati dell'OMS hanno visitato Wuhan in precedenza all'inizio del 2021 per condividere i dati con gli scienziati cinesi nella speranza di identificare una probabile origine, ma hanno lasciato più domande che risposte, non essendo in grado di identificare o eliminare nessuna delle loro possibilità.
Gli scienziati dell'OMS hanno considerato il transito zoonotico - cioè un salto da animale a uomo - come il metodo più probabile in cui gli esseri umani hanno contratto il virus, ma una possibilità che consideravano improbabile è stata recentemente ripresa dagli USA come un attacco ideologico contro Pechino: l'idea che sia fuggito dal Wuhan Institute of Virology, un importante biolalab cinese.
Президент США Дональд Трамп - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Donald Trump chiede alla Cina di risarcire il mondo con 10 trilioni $ per pandemia Covid
Come ha riferito Sputnik, la teoria delle fughe di notizie di laboratorio è stata elevata dai critici anti-Cina di destra all'inizio della pandemia e colta dall'allora presidente Donald Trump come un modo per distogliere la colpa dal fallimento della sua amministrazione nel contenere il virus mentre centinaia di migliaia di americani morivano per la malattia. Le loro argomentazioni sono cambiate dal Covid come arma biologica ingegnerizzata a campione fuggito da una fonte naturale che Pechino ha cercato di coprire, ma tutti alla fine dipendono dall'argomento che la Cina non è riuscita a fornire un accesso adeguato ai suoi archivi per confutare la teoria.
Gli scienziati dell'OMS si sono espressi contro questo argomento, affermando che il loro accesso ai dati a Wuhan non è stato inibito e che il tipo di apertura richiesto ai cinesi è quello che gli Stati Uniti non accetteranno mai se fossero fatti dei propri archivi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала