Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Archeologi russi alle prese col mistero di un tempio bizantino in Siria

© Sputnik . Ahmed Mahmud / Vai alla galleria fotograficaGli scavi
Gli scavi - Sputnik Italia, 1920, 16.06.2021
Seguici su
Gli archeologi russi hanno studiato un tempio cristiano bizantino del V-VI secolo d.C. nelle rovine dell'antica città di Apamea in Siria come parte di una spedizione guidata da Natalia Solovieva, vicedirettrice dell'Istituto di cultura materiale dell'Accademia Russa delle Scienze.
Recentemente sul territorio di Apamea si sono svolti combattimenti nell'ambito del conflitto siriano. In questa zona per spostarsi serve grande attenzione: potrebbero esserci mine antiuomo nei campi, pertanto gli artificieri garantiscono la sicurezza degli scienziati.

"Ora siamo nel tempio, che porta il nome in codice "rotonda". La sua dedica è sconosciuta, cioè a quale santo è dedicata, non lo sappiamo, ma questo è un antico tempio bizantino, ha una struttura interessante con una rotonda nella parte orientale e un'estensione", ha detto ai giornalisti il ricercatore Egor Blokhin.

Gli scienziati raccolgono dati per progetti di restauro di monumenti architettonici distrutti durante la guerra contro i terroristi. Usando un drone, creano modelli 3D di complessi architettonici sia nel visibile che nell'infrarosso. Questi modelli dovrebbero servire come base per il restauro di vecchi edifici.
Gli esperti russi hanno già raccolto informazioni digitali dettagliate sui monumenti paleocristiani in altre aree della Siria. Nella parte vecchia di Aleppo, hanno trovato una chiesa nascosta all'interno della madrasa medievale di Al-Halawiyya. Durante i combattimenti, diverse granate hanno colpito il tempio, ma, probabilmente, "il suo restauro inizierà nel prossimo futuro", ha osservato la Solovyova.

"Quando c'è una guerra, è chiaro che non sono in vigore misure di conservazione. E solo una cosa è possibile: prendere misure non appena il territorio è liberato, è imperativo prendere misure per la conservazione, è necessario disporre di documentazioni per questo o quell'oggetto per capire quali misure urgenti adottare", Natalia Solovyova ha spiegato il compito della missione russa.

Ad Apamea si trovano edifici di tre epoche diverse: antichità, Impero Bizantino e il Medioevo arabo. Sulla montagna, in particolare, sorge la fortezza araba Kaalat Al-Mudik.
"Vorrei dire un grande grazie al contingente delle truppe russe in Siria, al Centro di difesa nazionale, al ministero della Difesa nel suo insieme, senza il loro aiuto la spedizione non avrebbe avuto luogo", ha aggiunto Solovyova.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала