Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bersani elogia Speranza sulla gestione della pandemia: Ci ha portati fuori dalla tempesta

© AFP 2021 / Andreas SolaroPier Luigi Bersani
Pier Luigi Bersani - Sputnik Italia, 1920, 15.06.2021
Seguici su
Pierluigi Bersani difende l'operato del compagno di partito Roberto Speranza alla guida del Dicastero più rovente durante questa pandemia di coronavirus. E a Draghi chiede di far stare zitti quelli fuori dal pollaio.
Per Pierluigi Bersani di Leu, il ministro della Salute Roberto Speranza “è il capitano della nave che ci ha portato dal primo giorno fin qui e quindi fuori dalla tempesta”, ha detto ieri sera a Otto e Mezzo su La7.
Lilli Gruber gli ha chiesto anche se Speranza, del suo stesso partito, ha collezionato errori oppure no riguardo la gestione dei vaccini e in particolare del vaccino Vaxzevria di AstraZeneca.
Bersani fa notare che “la confusione non c’è solo in Italia”, poiché “siamo in una fase della vaccinazione che avviene in tempo reale”. Inoltre l’ex segretario del Pd afferma che “anche la comunità scientifica si muove per acquisizioni successive”.
Ed ecco perché “il governo italiano fa riferimento a un luogo tecnico, che ha preso degli orientamenti che il governo stesso rispetta. Naturalmente le cose sono in evoluzione. Anche io penso che quanto detto dall’Ema debba fare testo, ma in Italia, oltre al solito chiacchiericcio un po’ anarchico, c’è il problema delle Regioni, che, come si diceva, dovevano essere messe in riga, ma non è successo. In ogni caso, penso che nei prossimi giorni ne usciremo”, argomenta ancora Bersani.

Draghi deve parlare o no?

Per quanto riguarda il silenzio di Draghi, Bersani fa ancora notare che quando Giuseppe Conte parlava mettendoci “la faccia tutti i giorni, gli davano quasi del pagliaccio”.
Draghi, secondo lui, ha ritenuto di “star zitto”, tuttavia Bersani crede che il presidente del Consiglio dovrebbe “pronunciarsi più nettamente quando il pollaio viene fuori dal governo”, e cioè quando Salvini fa il suo programma e dice di voler riaprire le discoteche dall’1 luglio.
“Draghi deve dire: Adesso state zitti, sulle riaperture decidiamo noi”, secondo Bersani.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала