Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Roger Waters manda Mark Zuckerberg al diavolo

© AP Photo / Luca BrunoRoger Waters performs during a live concert in Assago, near Milan, Italy
Roger Waters performs during a live concert in Assago, near Milan, Italy - Sputnik Italia, 1920, 14.06.2021
Seguici su
Il co-fondatore dei Pink Floyd ha negato a Mark Zuckerberg il diritto di utilizzare la seconda parte della canzone 'Another Brick in the Wall'.
Il fondatore di Facebook voleva usare la canzone cult dei Pink Floyd in un video per promuovere Instagram, offrendo in cambio a Waters "un'enorme, gigantesca somma di denaro".
"La mia risposta è: vai all'inferno! Assolutamente no", ha detto il musicista in un forum a sostegno del fondatore di Wikileaks Julian Assange.
Il video è stato pubblicato sul canale YouTube dell'organizzatore.
Questa dura risposta è dovuta all'atteggiamento negativo di Waters nei confronti della politica di Facebook. Secondo il musicista, Zuckerberg vuole "continuare a censurare" tutti e sta cercando "di impedire che la storia di Julian Assange venga resa pubblica".
'Another Brick in the Wall' è una celebre canzone in tre parti, tutte scritte da Waters, dell'opera rock 'The Wall'.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала