Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Regno Unito ritarderà riapertura per paura diffusione variante Delta

Boris Johnson - Sputnik Italia, 1920, 14.06.2021
Seguici su
Gli scienziati britannici hanno avvertito in precedenza che il paese dovrà affrontare 100.000 casi di coronavirus ogni giorno a causa dell'aumento della variante Delta, identificata per la prima volta in India e di circa il 60% in più trasmissibile rispetto ad altre.
Il Primo ministro britannico Boris Johnson dovrebbe annunciare la revoca delle restrizioni sul coronavirus in Inghilterra il 21 giugno. Eppure, secondo i rapporti, il funzionario dovrebbe rimandare la riapertura da due a quattro settimane in una conferenza stampa lunedì.
Ai funzionari britannici è stato detto che un ritardo nell'allentamento delle restrizioni sul coronavirus in Inghilterra potrebbe tenere migliaia di persone lontane degli ospedali, ha riferito The Guardian senza citare alcuna fonte. Secondo il giornale, i dati mostrati ai ministri suggeriscono che una nuova ondata di coronavirus colpirà principalmente i giovani, che devono ancora ricevere il vaccino.
Gli esperti sanitari sono preoccupati che la variante Delta, identificata in India e del 60% più trasmissibile, raddoppi il rischio di ricoveri ospedalieri, vista anche la sua apparente resistenza ai vaccini.
Il dottor Raghib Ali, consulente onorario in medicina acuta presso l'ospedale NHS Trust dell'Università di Oxford, ha affermato che il mese scorso è stato la struttura e stata la più trafficata, con il numero di casi gravi maggiore rispetto ai picchi della prima e della seconda ondata.

Critiche da backbencher e aziende

Secondo i dati governativi, più di 41 milioni di persone hanno ricevuto una prima dose di vaccino e quasi 30 milioni sono completamente vaccinate. Uno studio condotto da Public Health England ha mostrato che un singolo colpo di inoculazione è efficace soltanto di circa il 33% contro la variante Delta. Una seconda dose aumenta la protezione a circa l'81%.
Il ritardo nella riapertura darà inoltre agli scienziati più tempo per studiare la variante Delta e vedere se il programma di immunizzazione ha indebolito il legame tra infezioni, ricoveri e decessi.
Tuttavia, il rinvio potrebbe far arrabbiare i backbencher conservatori e gli imprenditori, che mettono in guardia sulle terribili conseguenze per l'ecoomia già paralizzata. La Night Time Industries Association ha detto che altre quattro settimane di restrizioni sarebbero state devastanti per i locali notturni, che sono stati chiusi dallo scorso marzo. Gli imprenditori hanno già speso milioni di sterline per rendere i loro locali Covid-friendly solo per aspettare altre due o quattro settimane.
Turisti a Firenze - Sputnik Italia, 1920, 12.06.2021
Turismo, quasi 4 milioni di italiani in vacanza a giugno

Danno anche per l'Italia...

Il continuo delle restrizioni nel Regno Unito non avrà un impatto negativo soltanto sulla loro economia, ma anche su quella del Bel Paese.
Un'indagine di Coldiretti, infatti, ha rivelato che senza la presenza dei turisti inglesi, l'estate costerebbe all'Italia ben 1,5 miliardi di euro per le mancate spese di alloggio, alimentazione, trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. Prima della pandemia, il nostro paese contava oltre 2,1 milioni di cittadini del Regno Unito durante i mesi di luglio-settembre.
Importanti anche per l'esportazione dei prodotti nazionali: il Regno Unito è infatti al quarto posto tra i partner commerciali del Bel Paese per cio e bevande, e i turisti di ritorno dalle vacanze in Italia molto spesso acquistavano i prodotti gustati durante la permanenza sul territorio prima di rientrare.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала