Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid Italia, in zona bianca mascherina anche per i vaccinati - Andreoni

© Sputnik . Alessandro Rota / Vai alla galleria fotograficaVaccinazione
Vaccinazione - Sputnik Italia, 1920, 14.06.2021
Seguici su
Una misura ritenuta ancora necessaria per contenere e limitare la diffusione della mattia, dopo i trend in calo nel paese si consiglia cautela.
Passate in zona bianca oggi altre 5 regioni e una provincia autonoma, con l'ulteriore allentamento delle misure restrittive, tra le quali gli spostamenti, orari di operatività dei locali, presenza nei ristoranti e bar, palestre e piscine al chiuso e altre.
Tuttavia, questo non implica un completo abbandono delle misure di prevenzione. Per Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali, alcune precauzioni dovranno comunque essere mantenute anche nella zona bianca.
“Le precauzioni sono indispensabili per evitare che il virus continui a circolare e possa diffondersi una nuova variante”, ha detto in un’intervista al Messaggero. “La situazione è abbastanza sotto controllo [...] però non vuol dire che tutto sia finito, dobbiamo fare attenzione e avere pazienza fino a quando avremo una condizione sotto controllo, [...] probabilmente dovremo aspettare l'autunno".
Andreoni ha ribadito che in questo momento è ancora necessario fare uso delle mascherine protettive, indifferentemente dalla zona e dallo stato di salute, quindi anche i vaccinati non sono esclusi da questa misura.
“Ricordiamo che 40milioni di dosi somministrate non corrispondono a 40 milioni di vaccinati. All'aperto, si può stare senza mascherine, ma solo se c'è il distanziamento", ha aggiunto.
Una certa preoccupazione anche per la variante Delta, rinvenuta per la prima volta in India e considerata del 60% più contagiosa di altri ceppi. Il vero pericolo di questa variante sta nella sua apparente resistenza ai vaccini: chi ha ricevuto soltanto una sola dose è infatti protetto soltanto al 30%, mentre aumenta all'80% per chi ha avuto due dosi.
In Italia, sono 25 milioni che hanno ricevuto soltanto una delle due inoculazioni, e solo 15 milioni con due.
"Non dimentichiamo che la capacità di diffusione di una variante è molto rapida. In Inghilterra, quella indiana ha soppiantato l'inglese. Per scongiurare questo pericolo dobbiamo continuare a vaccinare il più possibile, facendo anche la seconda somministrazione. E intanto continuiamo a tenere tutte le misure di contenimento", ha concluso Andreoni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала