Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Autostrade, Atlantia accetta la vendita a CDP. Lo Stato dovrà pagare parte dei risarcimenti

CC BY-SA 4.0 / Wikipedia / Carlo Dani / Sede di Autostrade per l’Italia SpA a Roma
Sede di Autostrade per l’Italia SpA a Roma - Sputnik Italia, 1920, 12.06.2021
Seguici su
Accettata dal cda l'offerta da 9,1 miliardi dal consorzio formato da Cassa Depositi e Prestiti, Blackstone e Macquarie. Lo Stato dovrà pagare una parte dei risarcimenti. Per il Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi la vendita "una delle pagine più scandalose della nostra Repubblica".
Autostrade per l'Italia torna allo Stato. Il Cda di Atlantia ha accettato l'offerta da 9.1 miliardi del consorzio formato da Cassa Depositi e Prestiti, Blackstone e Maquarie per la cessione dell'88% di Aspi.
Si chiude finalmente la partita tra CDPe Atlantia, dopo il via libera arrivato dall'assemblea dei soci lo scorso 31 maggio. L'acquisizione avverrà tramite Holding Reti Autostradali, nuova società di diritto italiano di proprietà (diretta o indiretta) di CDP Equity (51%), Blackstone Infrastructure Partners (24,5%) e Macquarie Asset Management (24,5%).
L'offerta di CDP valorizza Aspi per 9,1 miliardi di euro, quindi Atlantia riceverà 7,9 miliardi per la cessione dell'88,06% di Autostrade. Sul restante 11,94% verrà avviato un dialogo esplorativo.

Le indennità

L'accordo inoltre prevede una ripartizione tra venditore e acquirente delle "indemnities", gli oneri derivanti dai procedimenti penali e contenziosi per il crollo del Ponte Morandi. Atlantia dovrà pagare integralmente i primi 150 milioni degli eventuali risarcimenti, che oltre questa soglia verranno ripartiti al 75% per la holding dei Benetton e al 25% a CDP. Atlantia chiedeva una suddivisione più vantaggiosa al 50%. Resta il tetto di 459 milioni oltre il quale il risarcimento spetterà interamente al consorzio formato da CDP e dei due fondi che partecipano al consorzio.

La reazione dei familiari delle vittime

La conclusione del braccio di ferro tra i Benetton e lo Stato per la gestione dei 3.000 km di rete autostradale italiana, lascia l'amaro in bocca ai familiari delle vittime del crollo del Ponte Morandi che cancellò in pochi attimi 43 vite. Per Egle Possetti, portavoce del Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi, la vendita "sarà una delle pagine più scandalose della nostra Repubblica".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала