Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

AstraZeneca, sequestrato il certificato compilato da Camilla prima del vaccino

© Filippo AttiliInfermiera prepara un vaccino
Infermiera prepara un vaccino - Sputnik Italia, 1920, 12.06.2021
Seguici su
L'inchiesta per omicidio colposo aperta dalla procura di Genova dovrà stabilire se le sue condizioni di salute siano state sottovalutate. La 18enne soffriva di una rara patologia autoimmune del sangue forse non compatibile con la vaccinazione AstraZeneca.
I carabinieri dei Nas hanno notificato all'Asl4 di Genova il sequestro del certificato di anamnesi compilato da Camilla Canepa prima della vaccinazione. La 18enne morta dopo aver ricevuto la prima dose di AstraZeneca soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare e prendeva una doppia terapia ormonale. Gli inquirenti vogliono accertare se queste patologie fossero indicate nei documenti consegnati.
La procura di Genova ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo. L'ipotesi è che le condizioni di salute della 18nne siano state sottovalutate. La patologia di cui era affetta e che provocava un abbassamento del livello delle piastrine nel sangue, potrebbe risultare incompatibile con il vaccino AstraZeneca, che può provocare rarissime forse di trombosi cerebrali.
La giovane, inoltre, quattro giorni dopo il vaccino ha assunto i soliti farmaci indicati dalla terapia ormonale. Pochi giorni dopo, il 3 giugno, ha avvertito il primo malore. Gli investigatori dovranno accertare se la ragazza abbia riferito al medico che le ha somministrato la terapia di essere stata vaccinata con AstraZeneca.
Tra la documentazione richiesta dai pm genovesi c'è anche la anche lettera del Comitato tecnico scientifico riguardante gli open day inviata alle Regioni.
Lunedì l'incarico sarà affidato ai medici legali Luca Tatjana e Franco Piovella, che hanno già seguito altri quattro casi di decesso avvenuto dopo la vaccinazione.
La giovane di 18 anni si era sottoposta alla vaccinazione volontaria con AstraZeneca il 25 maggio durante un Open Day. Il 3 giugno la giovane si era rivolta al pronto soccorso sintomi riconducibili alla trombosi cerebrale, mal di testa e fotofobia, ma era stata mandata a casa dopo l'esito negativo degli esami.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала