Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

AstraZeneca, Magrini (Aifa): “La raccomandazione c’era da tempo, chi voleva capire ha capito”

© REUTERS / Yves HermanAstraZeneca
AstraZeneca  - Sputnik Italia, 1920, 12.06.2021
Seguici su
Dopo il decesso della 18enne a cui era stato somministrato il vaccino AstraZeneca, il direttore generale dell’Agenzia del farmaco ricorda che da settimane si sapeva che il rischio di eventi avversi crolla tra gli over 60.
In un’intervista a La Stampa Nicola Magrini ricorda che l’Aifa aveva consegnato a inizio giugno il proprio parere sull’opportunità di somministrare il vaccino AstraZeneca sotto i 60 anni. E poi ancora pochi giorni fa.

Il rischio di eventi avversi rimane più o meno stabile fino a 60 anni, con il picco più alto nella fascia tra i 18 e i 25 anni, ma è elevato anche tra i 50 ei 59. Poi crolla dopo i 60 anni, quando invece aumentano nettamente i benefici.

Un parere a conferma di quanto si sapeva già da diverse settimane, precisa il direttore dell'Aifa, tanto che “la raccomandazione, anche se solo per un uso in via preferenziale, c’era già”.
Ieri il Comitato tecnico scientifico ha raccomandato la vaccinazione con AstraZeneca solo per gli over 60 e il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha dichiarato che tale raccomandazione sarà tradotta dal governo “in modo perentorio”.

Open Day un’idea creativa

Se la raccomandazione c’era da settimane, diverse Regioni hanno però organizzato gli Open day per i più giovani, usando anche il vaccino anti Covid AstraZeneca.
Magrini definisce gli Open Day “un’idea creativa, un’eccezione in alcune Regioni, che hanno così provato a dare maggiore spinta alla campagna vaccinale”, ammettendo che “c’è stata la comprensibile tendenza a usare tutti i vaccini a disposizione”. Una tendenza favorita dal nulla osta del Commissario Figliuolo, previo parere del Cts. Ma per Magrini la questione non cambia.

La raccomandazione preesistente era già molto chiara, chi voleva capire ha capito. E noto un eccesso di protagonismo da parte delle Regioni

Camilla Canepa, 18 anni, è morta due giorni fa dopo aver ricevuto il vaccino il 25 maggio scorso. Da successive indagini è emerso che soffriva di una patologia autoimmune del sangue.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала