Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Se l'Ucraina diventerà membro NATO, dopo la Russia sarà un grattacapo anche per la Turchia"

© Sputnik . Mikhail Markiv / Vai alla galleria fotograficaBandiere dell'Ucraina e della NATO
Bandiere dell'Ucraina e della NATO - Sputnik Italia, 1920, 11.06.2021
Seguici su
Il professore e ricercatore turco dell'Università della Marmara, Barış Doster, ha commentato la questione della possibile adesione dell'Ucraina alla NATO. Secondo questi “La NATO è un'arma di invasione e attacco nelle mani dell'imperialismo americano”.
“Non possiamo non vedere nel desiderio degli Stati Uniti di ammettere l'Ucraina e la Georgia nella NATO (nonostante il fatto che in condizioni normali la NATO abbiano già membri sufficienti) se non come un tentativo di accerchiare e bloccare la Russia, nonché piantare la bandiera americana e quella dell’Alleanza atlantica su base permanente nel Mar Nero, con metodi imperialisti nei confronti di Russia, Asia centrale, bacino del Caspio e l’intera Eurasia".
Ricordando le parole del presidente francese Macron che "il cervello della NATO è morto", Doster racconta:
"Questo non è successo di recente. Questo è successo nel 1989-1991, quando l'Unione Sovietica è crollata, il Patto di Varsavia è crollato e il muro di Berlino è diventato un ricordo del passato.
Poi è iniziata la ricerca dei nemici della NATO. Hanno parlato di "traffico di droga, traffico di esseri umani, contrabbando di sostanze chimiche, materiali nucleari". Questo è stato fatto per legittimare e giustificare la NATO. Quando non è stato possibile convincere le masse del motivo per cui la NATO esiste, hanno parlato della "necessità di espandere la NATO, poiché la Russia è una minaccia militare immediata e la Cina è una minaccia economica reale e significativa".
Esercitazioni NATO Trident Juncture in Italia - Sputnik Italia, 1920, 10.06.2021
Colloquio Draghi-Stoltenberg in vista del vertice Nato di lunedì
Sorge la domanda su quale livello raggiungerà la tensione nella regione e quale sarà la risposta della Russia se l'Ucraina si unirà alla NATO. Su questo tema Doster ha concluso: “Ovunque sia andata la NATO, non ha portato altro che occupazione, spargimento di sangue, problemi, lacrime, brutalità e barbarie.
La Turchia dovrebbe dire "no" all'espansione della NATO, perché le decisioni della NATO sono prese all'unanimità. Se la Turchia pone il veto, l'Ucraina non diventerà membro. Se l'Ucraina invece dovesse diventare membro della NATO, dopo la Russia diventerà un grattacapo anche per la Turchia.
Come intellettuale turco, repubblicano e kemalista, voglio ricordare qualcosa ai nostri fratelli ucraini. Nel 2008, alla fine della guerra russo-georgiana, l'allora leader georgiano Mikhail Saakashvili si mangiò la cravatta davanti alle telecamere.
Ciò significa che esiste la possibilità che anche il leader ucraino Volodymyr Zelensky finirà per doversi ‘mangiare la cravatta’. Personalmente non ho mai mangiato cravatte e non consiglio a nessun politico di farlo”, ha concluso il professor Doster.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала