Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mottarone, Eitan finalmente dimesso dall'ospedale torna a casa con la zia

© AFP 2021 / Vigili del Fuoco Piemonte, precipita cabina della funivia Stresa-Mottarone
Piemonte, precipita cabina della funivia Stresa-Mottarone - Sputnik Italia, 1920, 10.06.2021
Seguici su
E' tornato a casa accompagnato dalla zia il piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla strage della funivia Stresa Mottarone. E' stato dimesso questa mattina ma dovrà proseguire il percorso terapeutico.
Il piccolo Eitan è stato dimesso questa mattina dal reparto Isola di Margherita dell'ospedale Regina Margherita. Il piccolo è l'unico sopravvissuto alla strage della funivia Stresa Mottarone, salvato dall'abbraccio del papà Amit, di 30 anni: il genitore infatti è riuscito infatti a fare scudo al suo primogenito salvandolo dalla morte che ha colto gli altri 14 passeggeri.
Per diversi giorni ha lottato tra la vita e la morte in terapia intensiva. Adesso le sue condizioni sono migliorate ed ha potuto lasciare l'ospedale con una prognosi di 60 giorni. Un'ambulanza lo ha riportato a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia.
Eitan, di appena 5 anni, dovrà adesso proseguire un percorso terapeutico psicologico, oltre ad effettuare visite di controllo. Il bambino, infatti, è sa dell'incidente ed è consapevole che i suoi genitori, il fratellino e i suoi bisnonni non ci sono più. E' stato accompagnato nel percorso da un team di psicologi in ospedale ospedale.

La tragedia di Mottarone

Domenica 23 maggio il cavo della funivia Stresa-Mottarone si è spezzato improvvisamente. Nell'incidente 13 persone sono morte sul colpo per i traumi plurimi riportati durante lo schianto.
Un bambino di nove anni è morto in ospedale per le gravissime ferite. Eitan, l'unico sopravvissuto, è stato salvato da una morte certa dall'abbraccio del padre Amit di 30 anni, che lo ha protetto durante lo schianto.
Sono stati indagati per l'incidente Luigi Nerini, gestore dell’impianto della funivia del Mottarone, il capo servizio Gabriele Tadini e il direttore di esercizio l’ingegnere Enrico Perocchio. La procura di Verbania ha notificato loro un avviso per gli accertamenti tecnici non ripetibili che dovrà essere svolto sulla cabina precipitata e sull'impianto in generale. Le parti sono state convocate in procura lunedì 14 giugno.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала