Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Discoteche, Pasca (SILB-Fipe): aspettiamo una data certa per riaprire entro la prossima settimana

Ragazzi in discoteca
Ragazzi in discoteca - Sputnik Italia, 1920, 10.06.2021
Seguici su
Maurizio Pasca, presidente del Silb-Fipe, il sindacato dei locali da ballo che rappresenta il 90% delle imprese del comparto, ha incontrato due giorni fa il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, che si è impegnato a favorire la riapertura delle discoteche il prossimo 1 luglio.
I gestori dei locali da ballo hanno subito una “perdita di fatturato di tre miliardi di euro” in questi mesi di chiusura dovuta alla pandemia di Covid-19. E se il 30% delle aziende ha ormai chiuso in via definita, un altro 40% è destinato a fare altrettanto qualora non arrivasse il via libera dal Cts e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, per la riapertura all’inizio di luglio. E’ quanto ha detto Pasca a Sputnik Italia, precisando che all’incontro con Costa “abbiamo chiesto di avere entro la prossima settimana una data certa per la riapertura delle nostre attività”.
La scorsa settimana, Pasca aveva minacciato la disobbedienza civile a partire dal 21 giugno, giorno della revoca del coprifuoco, in assenza di una risposta dal governo.

“E’ stata una provocazione perché si facesse attenzione a un settore completamente dimenticato dal governo. In 16 mesi per noi non è stata spesa una parola e nemmeno un euro, perché i ristori, rispetto alle perdite di fatturato, sono stati ben poca cosa. Stare chiusi da 16 mesi è tragico, anche perché si tratta di lavoratori atipici che non hanno avuto accesso agli ammortizzatori sociali e che hanno vissuto con i 600 euro che gli ha riconosciuto lo Stato.

Per garantire una riapertura in sicurezza, ha aggiunto, “stiamo proponendo un protocollo che prevede l’applicazione del green pass, per cui chi entra in discoteca deve aver fatto il vaccino, essere guarito dal Covid, o aver fatto un tampone nelle 36 ore precedenti l’ingresso in discoteca”.
"Vogliamo locali Covid-free"
Riguardo all’uso delle mascherine e al distanziamento, Pasca ha sottolineato come sia intenzione dei gestori “creare delle bolle di sicurezza all’interno dei locali, farli diventare Covid-free”, per cui se entra in discoteca “chi non è contagiato, non ci sono le condizioni per mettere la mascherina, o di rispettare il distanziamento sociale”.
Il presidente del Fipe precisa però che le mascherine potrebbero essere mantenute “nei locali al chiuso, dove si sta ragionando su una capienza ridotta, ma non hanno senso nei locali all’aperto”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала