Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Booking, oltre 150 milioni di Iva evasi in Italia

CC BY 2.0 / Luca Conti / Booking.comSede di Booking.com a Amsterdam
Sede di Booking.com a Amsterdam  - Sputnik Italia, 1920, 10.06.2021
Seguici su
L'azienda con sede in Olanda ha dichiarato un fatturato di oltre 700 milioni nel periodo 2013-2019.
Un'inchiesta partita nel 2018, condotta dai finanzieri del Primo gruppo del comando provinciale di Genova e di Chiavari nei confronti di Booking ha messo in evidenza come il noto portale turistico con sede nei Paesi Bassi abbia evaso oltre 150 milioni di euro di Iva in Italia nel periodo 2013-2019.
Secondo gli investigatori, coordinati dal sostituto Giancarlo Vona e dall'aggiunto Francesco Pinto, la società olandese avrebbe emesso fatture senza Iva applicando il meccanismo del c.d. 'reverse charge' anche nei casi in cui la struttura ricettiva era priva della relativa partita, con la conseguenza che l'imposta non veniva dichiarata né versata in Italia.
Consultando le banche dati e le fonti aperte, si è scoperto che la multinazionale abbia applicato le proprie commissioni a 896.500 posizioni di clienti in Italia, per un fatturato pari a 700 milioni di euro.
L'azienda, inoltre, non ha nominato un proprio rappresentante fiscale e non si è identificata in Italia, non presentando la relativa dichiarazione
In tale modo, Booking sarebbe così riuscita a raggiungere la totale evasione dell'imposta, che non è stata assolta né in Italia né nei Paesi Bassi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала