Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Norvegia, resti vichinghi sotto la cattedrale di Stavenger ci portano a ripensarne la storia

© Depositphotos / NejronVichinghi su una nave
Vichinghi su una nave - Sputnik Italia, 1920, 09.06.2021
Seguici su
I resti di una cosiddetta miniera di epoca vichinga trovata sotto la cattedrale di Stavanger hanno gettato una nuova luce sulla storia della capitale petrolifera norvegese, suggerendo un ruolo importante prima del completamento dell'imponente chiesa.
L'ampia ristrutturazione in corso della cattedrale di Stavanger, la più antica della Norvegia, ha portato alla luce una serie di reperti archeologici.
Mentre sono state rinvenute le prime 73 tombe e i resti di 65 individui, nonché ossa di maiale dell'età vichinga, scavi successivi hanno portato alla scoperta di una fossa simile a una cantina in parte sotterranea, fossa formata dal pavimento e le pareti della casa.
Simili case, dette appunto a fossa, erano concepite per essere fresche d'estate e calde d'inverno.

“Potrebbe risalire alla fine dell'era vichinga o all'inizio del Medioevo. Se è davvero una fossa di questo periodo, è una scoperta rara per la Contea di Rogaland", ha detto all'emittente nazionale NRK il responsabile del progetto dell'Istituto norvegese per la ricerca sul patrimonio culturale (NIKU) Halldis Hobæk, definendo la scoperta "molto eccitante" .

Secondo il team di ricerca, la scoperta potrebbe gettare nuova luce su come fosse la città di Stavanger, oggi una delle più grandi del Paese, mille anni fa.
Fondamentalmente le case a fossa non erano abitazioni residenziali, ma piuttosto laboratori per per varie attività sociali o specifici mestieri come quelli tessili come la filatura, la tessitura e il cucito, tradizionalmente considerate attività femminili. Tuttavia vi sono state trovate anche tracce di lavori in metallo.
Nell'ultimo decennio sono state trovate case a fossa della tarda età del ferro a Hove-Sørbø in Sandnes e nelle rovine della chiesa di Sola. Questi luoghi erano considerati insediamenti di alto rango, poiché apparentemente vi erano presenti oggetti di artigianato.
Tuttavia esiste una versione diversa e più sinistra riguardo lo scopo di tali case, che secondo Marte Mokkelbost, un archeologo sul campo presso il Museo della scienza NTNU, potrebbero essere state un'arena per i rituali sotterranei.
"La fossa si trovava sotto terra e potrebbe essere stata collegata alla superstizione e alla credenza nel sottosuolo", ha spiegato Mokkelbost, secondo cui le case furono gradualmente demolite verso la fine dell'età vichinga o l'inizio del Medioevo.
Situata sull'omonima penisola nel sud-ovest della Norvegia, Stavanger è stata ufficialmente fondata nel 1125, l'anno in cui la sua cattedrale è stata completata, ma probabilmente era sede di un importante insediamento già da prima. La città ha visto una rapida crescita demografica alla fine del XX secolo, principalmente a causa del boom dell'industria petrolifera norvegese, guadagnandosi persino il soprannome di capitale petrolifera del Paese.
La cattedrale di Stavanger è la più antica della Norvegia e può ospitare circa 800 persone.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала