Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid Italia, tasso positività 0,85%, per terza dose "presto parlare"

© Sputnik . Evgeny UtkinPassanti in mascherina
Passanti in mascherina - Sputnik Italia, 1920, 09.06.2021
Seguici su
Migliora la situazione epidemica del Bel Paese, con l'aumento dei vaccinati e maggiori controlli per individuare eventuali positivi e fermare quanto possibile il diffondersi del contagio. Si specula sulla terza dose, ancora nulla di certo.
Continua a scendere la curva epidemica in Italia, ora il tasso di positività scende sotto l'1% allo 0,85% nel mezzo delle discussioni su una possibile terza dose.
Ieri nel paese sono stati effettuati 136mila tamponi, che hanno rivelato 1.896 nuovi contagi e un calo dei ricoveri, con terapie intensive scese di 71 (17 ingressi al giorno) e ai minimi i ricoveri ordinari, 225. In aumento i decessi, 102 rispetto ai 65 del giorno precedente, portando il totale a 126.690.
Prosegue la campagna vaccinale: 39.312.253 i vaccini somministrati e 13.338.891 le persone vaccinate con due dosi (24,59% della popolazione over 12). Si discute ora di un possibile terzo richiamo, come ha ipotizzato il commissario all'emergenza Covid il generale Francesco Figliuolo in un intervento alla Camera dei Deputati.
"Abbiamo una macchina delle Regioni pronta già da adesso a partire, ma è chiaro che una cosa è se serve una terza dose e poi finisce là, un'altra se sarà un vaccino annuale”, ha detto a Sky TG24 il presidente della Conferenza della Regioni Massimiliano Fedriga. “Se diventasse un vaccino ripetitivo dovremmo passare dalla straordinarietà di questa campagna vaccinale all'ordinarietà, che significa coinvolgere i medici di medicina generale e le farmacie".
Sullo stesso tema è intervenuta anche Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, che su La Stampa ha avvertito che è ancora molto presto per parlare di una terza inoculazione del vaccino, dato l'andamento ancora incerto e non osservato della malattia.
Un'operatrice sanitaria tiene la siringa con il vaccino contro Covid - Sputnik Italia, 1920, 09.06.2021
Germania, medico inocula per sbaglio bambina di 9 anni contro Covid
"In assenza di dati e con un virus poco conosciuto, lanciarsi in previsioni sembra invece piuttosto complicato, in quanto non conosciamo bene la risposta immunitaria che conferisce protezione all'infezione o, come si dice in termini tecnici, non sono ancora del tutto chiari i 'correlati immunologici di protezione'", ha spiegato Viola. "Prima di decidere per le terze dosi, bisognerebbe quindi aspettare e valutare i possibili scenari, che dipenderanno anche dalla capacità del virus di mutare".
Secondo l'immunologa, con il tempo il Covid potrebbe diventare 'una banale influenza', e il vaccino ripetuto potrebbe in futuro essere consigliato soltanto alle categorie di popolazione più debole e suscettibile a sviluppare la malattia, ma sono comunque ancora tutte ipotesi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала