Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Corte d'appello dell'Aja conferma ergastolo al generale serbo Ratko Mladic

© AP Photo / ICTY VideoRatko Mladic (foto d'archivio)
Ratko Mladic (foto d'archivio) - Sputnik Italia, 1920, 08.06.2021
Seguici su
La Camera d'appello dell'Aja ha confermato l'ergastolo per l'ex comandante serbo-bosniaco, il generale Ratko Mladic, riporta il sito web dell'organo di giustizia, che ha trasmesso il pronunciamento della sentenza.
La camera d'appello aveva programmato l'annuncio della sentenza sull'appello del generale condannato dal tribunale dell'Aia nel 2017 all'ergastolo l'8 giugno. Gli avvocati e la famiglia di Mladic si erano opposti a questa data, definendola "frettolosa".
Della squadra di difesa dell'ex generale serbo-bosniaco, solo la consulente legale Peta-Louise Bagott ha potuto assistere al verdetto con Mladic in aula.
"La camera ha confermato la precedente sentenza del tribunale sull'ergastolo", afferma la decisione della camera.
La Camera d'appello dell'Aja ha anche confermato che l'ex comandante dell'esercito serbo-bosniaco, il generale Ratko Mladic, non era colpevole di genocidio.
"La Camera ha completamente respinto il ricorso e ha quindi confermato la decisione della corte, secondo cui Mladic è innocente di genocidio con l'accusa di crimini contro musulmani bosniaci e croati bosniaci in alcuni comuni della Bosnia-Erzegovina. La Camera ha confermato la precedente condanna all'ergastolo", si afferma nella sentenza d'appello.
Ratko Mladic, che comandava l'esercito serbo-bosniaco durante il conflitto del 1992-1995 in Bosnia ed Erzegovina, è stato latitante per 16 anni ed è stato arrestato dalle autorità serbe nel 2011. Nel novembre 2017, il Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia ha dichiarato il generale colpevole di 10 capi di imputazione su 11, compreso il genocidio dei musulmani bosniaci a Srebrenica nel 1995 e la violazione delle legge sulla conduzione della guerra in Bosnia-Erzegovina tra il 1992 e 1995. Mladic è stato condannato in primo grado all'ergastolo.
Nell'agosto 2018, gli avvocati del generale hanno impugnato la condanna all'ergastolo e nell'agosto 2020 si è tenuta l'udienza di appello.
Gli avvocati hanno respinto le accuse e chiesto la liberazione del generale Mladic o l'annullamento del verdetto e l'inizio di un nuovo processo.
La difesa del generale, insoddisfatta dei medici della Corte, per due anni ha chiesto il permesso per l'esame dell'imputato da parte di specialisti russi del Centro Bakulev. Avvocati e familiari hanno più volte affermato che la Corte dell'Aja non forniva informazioni sul reale stato di salute del generale e che i medici del carcere non forniscono cure adeguate.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала